8.2 C
Bruxelles
Domenica, Febbraio 25, 2024
Tecnologia scientificaArcheologiaYakhchāl: Gli antichi produttori di ghiaccio del deserto

Yakhchāl: Gli antichi produttori di ghiaccio del deserto

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter a The European Times News

Queste strutture, sparse in tutto l’Iran, funzionavano come frigoriferi primitivi

Nelle distese aride del deserto persiano è stata scoperta una sorprendente e ingegnosa tecnologia antica, conosciuta come yakhchāl, che in persiano significa “pozzo di ghiaccio”. Yakhchāl (persiano: کلکر; yakh che significa "ghiaccio" e chāl che significa "fossa") è un antico tipo di refrigeratore evaporativo. Nel 400 a.C., gli ingegneri persiani padroneggiavano la tecnica di utilizzare lo yakhchāl per creare ghiaccio in inverno e conservarlo in estate nel deserto.

Rivela l'approccio sofisticato dei nostri antenati alla produzione del ghiaccio e risale al 400 a.C. Queste strutture, sparse in tutto l’Iran, funzionavano come frigoriferi primitivi, utilizzando un sistema di raffreddamento progettato per conservare il ghiaccio tutto l’anno. Gli yacht avevano una caratteristica forma a cupola che ospitava un enorme deposito sotterraneo. Costruiti con materiali spessi e resistenti al calore, gli yacht utilizzavano un sistema di raffreddamento evaporativo sopraelevato.

Lavorando in armonia con il clima naturale, l'aria fredda entra attraverso le prese d'aria alla base, mentre il design conico aiuta ad espellere il calore residuo attraverso le aperture nella parte superiore. Il processo di produzione del ghiaccio iniziò con laghi poco profondi riempiti di notte da canali d'acqua dolce. Protetti dai raggi del sole da pareti ombreggianti, i laghi ghiacciavano durante le notti invernali.

Il ghiaccio raccolto veniva poi trasferito in uno yahchal realizzato con materiali locali come argilla, argilla, albume, pelliccia di capra, succo di limone e malta impermeabile. Queste straordinarie strutture svolgevano un ruolo vitale nella conservazione di cibi e bevande e possibilmente nel raffreddamento degli edifici durante i caldi mesi estivi. Oggi, 129 yakhchal rimangono un ricordo storico dell'antico ingegno persiano.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -