9.4 C
Bruxelles
Domenica, Aprile 21, 2024
LibriDostoevskij e Platone ritirati dalla vendita in Russia a causa della "propaganda LGBT"

Dostoevskij e Platone ritirati dalla vendita in Russia a causa della “propaganda LGBT”

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Alla libreria russa Megamarket è stato inviato un elenco di libri da ritirare dalla vendita a causa della “propaganda LGBT”. Il giornalista Alexander Plyushchev ha pubblicato un elenco di 257 titoli sul suo canale Telegram, scrive il Mosca Times.

L'elenco comprende non solo novità letterarie, ma anche classici. Ad esempio, il negozio dovrebbe rimuovere dal proprio sito web gli annunci pubblicitari dei libri “Netochka Nezvanova” di Fëdor Dostoevskij, “Pirro” di Platone, “Il Decamerone” di Giovanni Boccaccio, “Orlando” di Virginia Woolf, “Alla ricerca del tempo perduto”. di Marcel Proust e “It” di Stephen King.

Tra quelle vietate alla vendita ci sono opere di altri classici mondiali – Stefan Zweig, Andre Gide, Yukio Mishima, Patti Smith e Julio Cortázar, così come autori contemporanei come Haruki Murakami e Victoria Tokareva.

Plyushchev non specifica chi abbia insistito specificamente per ritirare dalla vendita i libri di tutti questi autori. "Megamarket" è di proprietà di Sberbank (85%), M. Video-Eldorado (10%), nonché il fondatore di M.Video e Goods.ru (5%).

Nel dicembre 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una legge che vieta la propaganda LGBT, la pedofilia e il cambiamento di genere. La responsabilità per violazione della legge si applica a persone di qualsiasi età. In precedenza, la propaganda LGBT era vietata solo tra i minorenni.

Nel novembre 2023, la Corte Suprema della Federazione Russa ha dichiarato estremista e bandito in Russia il “movimento pubblico internazionale LGBT”, che non esiste. Secondo la decisione del tribunale, “i partecipanti al movimento sono accomunati dalla presenza di determinati costumi, costumi e tradizioni (ad esempio, sfilate gay), … da un linguaggio specifico (l’uso di parole potenzialmente femminili, come leader, regista, autore , psicologo). “

La corte ritiene che il “movimento LGBT” possa distorcere la comprensione dei valori tradizionali da parte dei bambini e abbia un impatto ideologico distruttivo sui russi.

Il “movimento” è diventato una minaccia per gli interessi nazionali della Russia e per la situazione demografica, ha scritto nella sua decisione la Corte Suprema russa. Si dice che per raggiungere questo obiettivo, il movimento LGBT utilizzi la propaganda, mettendo simboli LGBT su giocattoli, vestiti, producendo letteratura speciale e organizzando eventi vicino alle scuole e alle biblioteche per bambini.

Illustrazione: Fëdor Mikhailovich Dostoevskij. Ritratto di Vasily Perov c. 1872

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -