9.2 C
Bruxelles
Martedì, Aprile 23, 2024
Scelta dell'editoreLibertà religiosa e uguaglianza nell’Unione europea: percorsi poco chiari da percorrere

Libertà religiosa e uguaglianza nell’Unione europea: percorsi poco chiari da percorrere

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter a The European Times Notizie

Madrid. Santiago Cañamares Arribas, Professore di Diritto Ecclesiastico presso l'A Università Complutense di Madrid, ha presentato una stimolante analisi sulla libertà religiosa e l'uguaglianza nell'Unione europea in occasione del recente seminario itinerante organizzato dall'Associazione dei professori di diritto ecclesiastico.

In questa recente conferenza Prof. Cañamares Arribas, insigne studioso nel campo della libertà religiosa, ha condiviso le sue profonde intuizioni sull'intricato rapporto tra la religione e il quadro giuridico del Unione Europea. L'evento, che segna un momento significativo nella convergenza accademica e personale delle università di Madrid e non solo, ha evidenziato le dinamiche in evoluzione di libertà religiosa all'interno dell'UE.

Prof. Cañamares Arribas ha iniziato il suo intervento esprimendo gratitudine all'associazione per aver rilanciato la tradizione di seminari così significativi, una pratica un tempo comune quando faceva parte del Dipartimento di Diritto Ecclesiastico.

Il punto cruciale della presentazione del Prof. Cañamares Arribas ruota attorno alla sua recente ricerca e pubblicazione sul ruolo della religione nell'Unione Europea, un argomento che ha occupato per anni le sue attività accademiche. Ha sottolineato un paradosso nell'approccio dell'UE alla libertà religiosa e all'uguaglianza. “Sebbene il legislatore dell’UE mostri un impegno a favore della libertà religiosa e dell’uguaglianza attraverso norme ed eccezioni specifiche per motivi religiosi, questo impegno non sembra trovare riscontro nelle decisioni della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE),"Ha osservato.

Il Prof. Cañamares Arribas ha analizzato criticamente il L'interpretazione restrittiva della libertà religiosa da parte della CGUE, in contrasto con le tolleranze più ampie previste dalla legislazione dell'UE. Ha citato il recente “Comune d'Ans” ne è l'esempio lampante, in cui la questione posta da un tribunale belga ha portato a una sentenza che ha scatenato un ulteriore dibattito sulla posizione dell'UE sui simboli religiosi nei contesti lavorativi.

Il seminario ha approfondito due grandi questioni irrisolte all'interno del diritto comunitario: la distinzione (o la mancanza di distinzione) tra religione e convinzioni personali come oggetto di protezione, e l'autonomia degli Stati membri nel definire il loro rapporto con le confessioni religiose. Il Prof. Cañamares Arribas ha evidenziato il focus economico fondamentale dell'UE, ma ha sottolineato anche il l’importanza di non trascurare le dimensioni sociali e personali, comprese la libertà religiosa e l’uguaglianza.

Inoltre, il Prof. Cañamares Arribas ha criticato il potenziale sostegno dell'UE al laicismo, chiedendosi se sia in linea con i diritti fondamentali e i valori che l'Unione intende sostenere. Ha fatto riferimento al “Refah Partisi c. Turchia” caso della Corte europea dei diritti dell'uomo per illustrare i potenziali conflitti tra alcuni modelli di rapporti stato-religione e la tutela dei diritti fondamentali.

Il Prof. Cañamares Arribas ha chiesto una comprensione e un'applicazione più sfumata della libertà religiosa e dell'uguaglianza all'interno dell'UE. Ha suggerito che attraverso l’apprendimento reciproco tra la CGUE e la Corte europea dei diritti dell’uomo, nonché i contributi degli avvocati generali, c’è spazio per l’ottimismo e il miglioramento nel modo in cui l’UE affronta il complesso terreno della religione e del diritto.

Il seminario non solo ha fornito una piattaforma per la discussione accademica, ma ha anche fatto luce sulle sfide e sulle opportunità attuali per rafforzare la libertà religiosa e l’uguaglianza nell’Unione europea. Mentre l’UE continua ad evolversi, le intuizioni condivise dal Prof. Santiago Cañamares Arribas contribuiranno senza dubbio al dibattito più ampio su come bilanciare al meglio questi diritti fondamentali all’interno del suo quadro giuridico.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -