18.8 C
Bruxelles
Domenica, Maggio 19, 2024
EuropaMetsola al Consiglio europeo: Queste elezioni saranno la prova di...

Metsola al Consiglio Europeo: Queste elezioni saranno il banco di prova dei nostri sistemi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Realizzare le nostre priorità è lo strumento migliore per contrastare la disinformazione, ha affermato la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola al Consiglio europeo

Rivolgendosi oggi ai capi di Stato e di governo in occasione del Consiglio europeo di marzo a Bruxelles, la Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha sottolineato i seguenti temi:

Elezioni del Parlamento Europeo:

“Ci riuniamo oggi, a 77 giorni dall’inizio delle elezioni per il Parlamento europeo. Sappiamo quanto dobbiamo lavorare insieme per far uscire il voto.

In questa legislatura abbiamo impresso l'impronta dell'Europa alla geopolitica globale e abbiamo difeso la nostra via europea in un mondo in continua evoluzione. Siamo diventati più forti grazie alle sfide che abbiamo dovuto affrontare e non nonostante esse. Abbiamo mantenuto un approccio costruttivo europeo maggioranza insieme e dobbiamo farlo di nuovo.

L’Europa sta dando risultati a favore dei nostri cittadini, ma dobbiamo essere in grado di diffondere questo messaggio in tutti gli Stati membri. Insieme agli eurodeputati ho visitato molti paesi per convincere la nostra gente, soprattutto i nostri giovani, ad uscire e votare”.

Disinformazione:

“Sappiamo fino a che punto si spingeranno gli altri attori nel tentativo di interrompere i nostri processi democratici. Stiamo assistendo a tentativi in ​​molti Stati di diffondere la disinformazione, la disinformazione e la propaganda che provengono da attori ostili al europeo progetto. È una minaccia alla quale dobbiamo essere pronti.

Possiamo avvalerci di strumenti sia legislativi che non legislativi, in particolare attraverso il modo in cui affrontiamo i social media. A livello legislativo abbiamo la legge sui mercati digitali, la legge sui servizi digitali, la legge sull’intelligenza artificiale, la pubblicità politica e la libertà dei media – ma dobbiamo anche essere pronti a impegnarci meglio online.

Non possiamo permettere che questa narrazione distruttiva, questa propaganda e questa disinformazione si diffondano senza contrastarle. Dobbiamo essere pronti a interagire con le piattaforme.

“Queste elezioni metteranno alla prova i nostri sistemi e renderanno ancora più essenziale il nostro compito di far passare il messaggio”.

Rivolgendosi ai cittadini:

“Il mio appello qui è di resistere alla tentazione, in una campagna difficile, di incolpare Bruxelles per tutto ciò che è sbagliato e di non dare credito a ciò che è dovuto.

Dobbiamo essere aperti e onesti sui nostri successi, ma anche su dove avremmo potuto fare meglio. Dove non abbiamo soddisfatto le aspettative della nostra gente. Dove le persone si sentono ancora lasciate indietro. Dove la nostra burocrazia ha allontanato le persone.

La nostra industria deve essere parte dell’equazione. I nostri agricoltori devono essere parte dell’equazione. I nostri giovani devono essere parte dell’equazione. Le persone devono avere fiducia nel processo, devono avere accesso a strumenti che consentano loro di effettuare il cambiamento e devono poterselo permettere. Altrimenti, non avrà successo.

L’Unione europea non è perfetta, ma è la migliore garanzia per tutti i nostri cittadini. Quindi, dove dobbiamo risolvere il problema, facciamolo. Ma continuiamo a costruire invece di permettere al facile cinismo di distruggere.

Possiamo restituire all’Europa che è più forte, che ascolta i suoi cittadini, che funziona meglio, che è più efficiente ed efficace. Ciò – come ha affermato Jean Claude Juncker – è grande nelle grandi cose e piccolo nelle piccole”.

La minaccia e il sostegno della Russia all'Ucraina:

“Non c’è niente di più grande della minaccia posta alla pace dalla Russia. Dobbiamo continuare a fare tutto ciò che è in nostro potere per aiutare l’Ucraina a continuare a difendersi.

Abbiamo già fornito un forte sostegno politico, diplomatico, umanitario, economico e militare all’Ucraina, e in questo ambito il Parlamento europeo accoglie con favore l’adozione del 13° pacchetto di sanzioni e del Fondo di assistenza all’Ucraina nell’ambito dello Strumento europeo per la pace.

In questo momento critico, il nostro sostegno all’Ucraina non può vacillare. Dobbiamo accelerare e intensificare la fornitura delle attrezzature di cui hanno bisogno per sostenere la loro difesa.

“Dobbiamo anche aiutare l’Ucraina prolungando le misure commerciali autonome”.

Sicurezza europea:

“Il nostro progetto di pace dipende dalla nostra capacità di essere sicuri e autonomi. Se vogliamo seriamente proteggere la nostra sicurezza collettiva, dobbiamo anche agire per costruire un nuovo quadro di sicurezza dell’UE.

Nel dare forma a questa nuova architettura, abbiamo già trovato un accordo su diverse questioni che molti ritenevano impossibili. Ora dobbiamo essere pronti per il prossimo passo della cooperazione tra tutti noi. In questo nuovo mondo, andare da soli non funzionerà”.

Allargamento:

“L’allargamento resta una priorità. Per l'Ucraina, per la Moldavia, per la Georgia e per la Bosnia-Erzegovina. Per tutti noi.

Tutti devono seguire la propria strada e soddisfare tutti i criteri richiesti, ma – con l’Ucraina in particolare – i loro progressi nel raggiungere gli obiettivi fissati sono stati impressionanti.

Negli ultimi dodici mesi anche la Moldavia e la Bosnia-Erzegovina hanno compiuto notevoli progressi sul fronte delle riforme. È giunto il momento di mantenere la nostra parola. È giunto il momento di aprire con loro i negoziati di adesione all’UE e di inviare un segnale chiaro ai cittadini dei Balcani occidentali.

In questo nuovo contesto geostrategico, un’UE allargata basata su obiettivi, criteri e meriti chiari costituirà sempre il nostro miglior investimento in pace, sicurezza, stabilità e prosperità”.

Riforma dell’UE:

“Non possiamo perdere di vista il fatto che un’UE allargata richiederà un cambiamento. Adattamento. Riforma. Il Parlamento ha avanzato diverse proposte in tal senso, comprese quelle sul diritto d’inchiesta del Parlamento europeo, che ha visto pochi movimenti negli ultimi 12 anni, e l’avvio del processo per una Convenzione europea”.

Economia:

“L’allargamento contribuirà anche ad aumentare la competitività europea e a migliorare il funzionamento del nostro mercato unico. Questa deve essere una priorità per la prossima legislatura. È così che facciamo crescere le nostre economie in modo sostenibile. Come paghiamo i nostri debiti. Come creiamo posti di lavoro e attiriamo investimenti. Come garantiamo che la crescita sia vantaggiosa per tutti. È con un’economia forte che possiamo portare prosperità, sicurezza e stabilità. “Come possiamo rafforzare la posizione dell’Europa nel mondo.”

Medio Oriente:

“Un’Europa forte ha un ruolo da svolgere nelle sabbie mobili dell’ordine mondiale, non ultimo in Medio Oriente.

La situazione umanitaria a Gaza è disperata. Dobbiamo utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per ottenere maggiore aiuto. Accolgo con favore l’iniziativa Amalthea e vorrei ringraziare in particolare Cipro per la sua leadership. Ciononostante, la distribuzione degli aiuti sui terreni rimane la strada migliore per fornire i volumi necessari.

Ecco perché il Parlamento europeo continuerà a spingere per un cessate il fuoco. Perché continueremo a chiedere la restituzione degli ostaggi rimasti e perché sottolineiamo che Hamas non può più operare impunemente.

Questo è il motivo per cui oggi chiediamo conclusioni chiare al riguardo che forniranno indicazioni per il futuro.

È così che possiamo ottenere più aiuti a Gaza, salvare vite innocenti e portare avanti l’urgente necessità di una soluzione a due Stati che dia una prospettiva reale ai palestinesi e sicurezza a Israele.

“Una pace che dà potere ad una leadership palestinese pacifica e legittima e che garantisce stabilità duratura nella regione”.

Situazione nel Mar Rosso:

"Ciò riguarda anche la situazione nel Mar Rosso. Accolgo con favore la situazione EUNAVFOR Aspides che contribuirà a proteggere questo corridoio marittimo altamente strategico. Ma c’è altro che possiamo fare.

In tutta l’area euromediterranea, le imprese sono fortemente colpite da ritardi, problemi di stoccaggio e implicazioni finanziarie. Dovremmo prendere in considerazione una task force guidata dall’UE per valutare come possiamo agire insieme per mitigare le conseguenze socioeconomiche. Anche qui l’Europa ha un ruolo da svolgere”.

Conclusione:

“Vi assicuro che il Parlamento europeo continuerà a lavorare fino all’ultimo momento per portare a termine i restanti fascicoli legislativi, compreso un nuovo pacchetto sulla migrazione.

In definitiva, realizzare le nostre priorità è il nostro strumento migliore per contrastare la disinformazione e consentire ai cittadini di vedere la differenza che fa l’Europa”.

Puoi leggere il discorso completo qui

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -