18.5 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 18, 2024
EuropaEspulsioni in Ruanda: protesta dopo l'adozione della legge britannica

Espulsioni in Ruanda: protesta dopo l'adozione della legge britannica

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha accolto favorevolmente l'adozione, nella notte tra lunedì 22 e martedì 23 aprile, del controverso disegno di legge che prevede l'espulsione in Ruanda dei richiedenti asilo entrati illegalmente nel Regno Unito.

Annunciata nel 2022 dal suo governo conservatore e presentata come un elemento chiave della sua politica di lotta all'immigrazione clandestina, questa misura mira a inviare in Ruanda i migranti arrivati ​​illegalmente nel Regno Unito, indipendentemente dal loro paese di origine. Spetterà al paese dell’Africa orientale considerare le loro richieste di asilo. In ogni caso, i richiedenti non potranno tornare nel Regno Unito.

“La legge stabilisce chiaramente che se vieni qui illegalmente, non potrai restare”, ha affermato Rishi Sunak. Lunedì il Primo Ministro ha assicurato che il suo governo era “pronto” ad espellere i richiedenti asilo in Ruanda. "Il primo volo partirà tra dieci o dodici settimane", ha detto, intendendo a luglio. Secondo lui, questi voli avrebbero potuto iniziare prima “se il Partito Laburista non avesse trascorso settimane a ritardare il disegno di legge alla Camera dei Lord nel tentativo di bloccarlo completamente”. "Questi voli decolleranno, qualunque cosa accada", ha insistito durante una conferenza stampa prima del voto.

Il governo ha mobilitato centinaia di funzionari, compresi i giudici, per elaborare rapidamente qualsiasi appello da parte di migranti illegali e ha sbloccato 2,200 posti di detenzione mentre i loro casi vengono esaminati, ha annunciato il Primo Ministro. Sono stati prenotati degli “aerei charter”, ha aggiunto, poiché il governo, secondo quanto riferito, ha faticato a convincere le compagnie aeree a contribuire alle espulsioni. Un primo volo avrebbe dovuto decollare nel giugno 2022 ma è stato cancellato a seguito di una decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

Quanto costerà agli inglesi?

Questo testo fa parte di un nuovo trattato più ampio tra Londra e Kigali, che prevede pagamenti sostanziali al Ruanda in cambio dell’accoglienza dei migranti. Il governo non ha reso noto il costo totale del progetto, ma secondo un rapporto presentato a marzo dal National Audit Office (NAO), l’organismo di vigilanza sulla spesa pubblica, potrebbe superare i 500 milioni di sterline (oltre 583 milioni di euro).

“Il governo britannico pagherà 370 milioni di sterline [432.1 milioni di euro] nell’ambito della partnership tra Regno Unito e Ruanda, ulteriori 20,000 sterline a persona e 120 milioni di sterline una volta ricollocate le prime 300 persone, più 150,874 sterline a persona per le procedure di e costi operativi”, riassume l’Ufficio nazionale di audit. Il Regno Unito pagherebbe quindi 1.8 milioni di sterline per ciascuno dei primi 300 migranti espulsi. Una stima che ha indignato il Partito Laburista. In testa nei sondaggi per le prossime elezioni legislative, il Labour ha promesso di sostituire questo schema, che ritiene troppo costoso. Tuttavia, il Primo Ministro ha assicurato che questa misura è “un buon investimento”.

Come reagisce Kigali?

Il governo di Kigali, capitale del Ruanda, ha espresso “soddisfazione” per questo voto. Le autorità del paese sono “ansiosi di accogliere le persone ricollocate in Ruanda”, ha detto il portavoce del governo Yolande Makolo. "Abbiamo lavorato duramente negli ultimi 30 anni per rendere il Ruanda un paese sicuro sia per i ruandesi che per i non ruandesi", ha affermato. Pertanto, questo nuovo trattato ha affrontato le conclusioni della Corte Suprema britannica, che a novembre aveva ritenuto illegale il progetto iniziale.

La corte aveva stabilito che i migranti rischiavano di essere espulsi dal Ruanda verso il loro paese di origine, dove avrebbero potuto affrontare persecuzioni, il che viola l'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo sulla tortura e i trattamenti inumani, di cui il Regno Unito è firmatario. . La legge ora definisce il Ruanda come un paese terzo sicuro e impedisce la deportazione dei migranti da questo paese al loro paese di origine.

4. Quali sono le reazioni internazionali?

Questo voto arriva mentre martedì si è verificata una nuova tragedia nella Manica con la morte di almeno cinque migranti, tra cui un bambino di 4 anni. L’ONU ha chiesto al governo britannico di “riconsiderare il suo piano”. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, e il suo omologo responsabile per i rifugiati, Filippo Grandi, hanno invitato il governo, in una nota, “ad adottare misure concrete per combattere i flussi irregolari di rifugiati e migranti, sulla base della cooperazione internazionale e del rispetto per il diritto internazionale dei diritti umani”.

“Questa nuova legislazione mina seriamente lo stato di diritto nel Regno Unito e costituisce un pericoloso precedente a livello globale”.

Volker Türk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani in una dichiarazione Il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Michael O'Flaherty, ha descritto questa legge come “un attacco all'indipendenza della magistratura”. Amnesty International UK l’ha definita una “disgrazia nazionale” che “lascerà una macchia sulla reputazione morale di questo Paese”.

Il presidente di Amnesty International Francia, ha deplorato “un'indicibile infamia” e un'“ipocrisia” basata sulla menzogna secondo cui il Ruanda è considerato un paese sicuro per i diritti umani. La ONG ha documentato casi di detenzione arbitraria, tortura e repressione della libertà di espressione e di riunione in Ruanda”, ha elencato. Secondo lui, “il sistema di asilo è così imperfetto” in Ruanda che ci sono “rischi di rimpatri illegali”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -