5.1 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Violenza, retorica, incitamento all'odio, guida ai crimini di atrocità in Ucraina e oltre, sente il Consiglio di sicurezza

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Lo Consigliere speciale delle Nazioni Unite sul Prevenzione del genocidio ha informato martedì il Consiglio di sicurezza, rafforzando le preoccupazioni già espresse da altri alti funzionari delle Nazioni Unite alla Camera, sui "rischi accresciuti" di violenza sessuale e tratta, che stanno "incidendo in modo significativo su donne e bambini", a seguito dell'invasione russa del 24 febbraio .
Iniziando il suo briefing con una prospettiva più ampia, Wairimu Nderitu ha affermato che le narrazioni odiose e controverse che si formano sulla scia della crescente ostilità, violenza e discriminazione potrebbero avere un "impatto devastante" sulle società in generale.

"L'abbiamo visto in vista dell'Olocausto, in Ruanda nel 1994" e anche nel conflitto in Bosnia di origine etnica tra musulmani, serbi e croati a metà degli anni '1990, ha detto, ricordando che "la fine delle guerre richiede azioni sostenute" , inclusa la lotta alla retorica aspra, all'incitamento all'odio online e offline e alle violazioni dei diritti che hanno un impatto sulla vita e sui mezzi di sussistenza.

Contrastare l'odio

L'alto funzionario delle Nazioni Unite ha raccontato che il Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio, che nel 1948, "emersa dall'ombra dell'Olocausto", identifica come reati punibili, cospirazione per commettere genocidio, istigazione pubblica e diretta a commettere genocidio, tentativo di commettere genocidio e complicità nel genocidio.

“Ciò avviene nel pieno rispetto del diritto essenziale alla libertà di espressione come previsto dalla normativa internazionale diritti umani legge", ha detto.  

Ucraina a fuoco

Rivolgendosi appositamente a Ucraina, la Sig.ra Nderitu ha evidenziato l'importante ruolo regionale e internazionale nell'affrontare la crisi umanitaria in corso e ha sottolineato l'importanza che tutti gli Stati aderiscano alle diritti umani e il diritto e i principi umanitari internazionali.

Il Consigliere speciale ha ricordato la visita del Segretario Generale nella regione, il suo appello per la cessazione delle ostilità e il lavoro del suo ufficio nel sostenere gli sforzi di dialogo intercomunale con il Paese delle Nazioni Unite.

Nel frattempo, “il continuo deterioramento della situazione”, ha spinto il Consigliere speciale a esortare tutti coloro che sono in una posizione di influenza a “raddoppiare gli sforzi per contribuire al ripristino della pace”.

Ha invitato i leader religiosi a usare la loro influenza per sostenere gli sforzi per risolvere il conflitto in corso, a non infiammarlo ulteriormente e ha ricordato che la difesa dell'odio nazionale, razziale o religioso che costituisce incitamento alla discriminazione, all'ostilità o alla violenza è vietata dal diritto internazionale .

La soluzione è possibile con l'impegno di tutti - Consigliere speciale delle Nazioni Unite

"Dobbiamo lavorare di più"

In termini di accuse che potrebbero costituire la possibile commissione di genocidi e crimini di guerra in Ucraina, ha affermato che potrebbe essere deciso solo "da un tribunale di giurisdizione competente", aggiungendo che il suo ufficio "non svolge indagini penali su incidenti specifici, presenti o passati".

Sebbene il ruolo di consigliere speciale sia per la prevenzione, non per l'aggiudicazione, ha nuovamente chiesto "la fine di questa guerra, per garantire la protezione dei civili e per accelerare gli sforzi diplomatici per rendere possibili entrambe le cose".

"La prevenzione si concentra sul futuro, e anche sul passato, e lo sfogo di ostilità in risposta a questa guerra significa che dobbiamo lavorare di più per proteggere tutti", ha affermato.

Ha esortato il Consiglio e le parti interessate ad “articolare una visione inclusiva, proporre una tabella di marcia... che non sia indifferente all'ingiustizia”.  

Se una «soluzione è possibile con l'impegno di tutti», ha ricordato, tuttavia, che con ogni continuo ritardo «continua l'escalation della sofferenza umana».  

Ucraini disumanizzanti

Liubov Tsybulska, capo del Centro per la comunicazione strategica e la sicurezza dell'informazione, un think tank istituito dal governo ucraino, ha affermato che "migliaia" di prove ora indicano crimini di guerra russi.

Ha anche citato la "retorica genocida" raccolta dai media russi che si riferisce all'Ucraina come a una "nazione falsa" che non "merita di esistere".

Ricordando le tattiche dell'era sovietica per affamare il nemico, ha accusato la Russia di "portare la carestia" e ha affermato che alcune truppe russe stavano esprimendo "orgoglio e approvazione" per gli abusi commessi.

La signora Tsybulska ha evidenziato ciò che ha detto essere tentativi di distruggere la cultura ucraina e si è chiesto: "Perché i russi ci odiano?".

Fronte cibernetico

Jared Cohen, CEO di Jigsaw e Adjunct Senior Fellow presso il Council of Foreign Relations degli Stati Uniti, ha parlato in modo approfondito della guerra informatica e di come è stata condotta durante la guerra in Ucraina.

"Come l'aria, la terra e il mare, Internet è diventato un dominio fondamentale da occupare durante la guerra", ha detto, descrivendo ciò che l'Ucraina ha vissuto finora come "una sfera di cristallo di ciò che probabilmente verrà" in futuro.

Si è concentrato sui "vettori di attacco", comprese le infrastrutture critiche, tramite "hacking tradizionale"; attacchi DDoS (Distributed Denial-of-Service) o tentativi dannosi di interrompere il normale traffico del sito web; e attacchi di medie e grandi dimensioni - o "microflood" - che possono aumentare notevolmente la complessità degli attacchi.

Mr. Cohen ha sottolineato lo sforzo online per indebolire il governo e la leadership ucraini.

Ad esempio, “falsi profondi di presunti cocaina la dipendenza è stata usata per cedere e alimentare una campagna di molestie contro il presidente [Volodymyr] Zelenskyy” per minare la sua credibilità, nel tentativo di puntare il sostegno verso la Russia, ha detto.

image1170x530cropped 17 - Violenza, retorica, incitamento all'odio, guida a crimini di atrocità in Ucraina e oltre, il Consiglio di sicurezza sente ©UNICEF/Ashley Gilbertson

Una donna cammina attraverso un tunnel in una stazione della metropolitana a Kharkiv in Ucraina, dove le persone si stanno riparando per salvarsi dal conflitto soprastante.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti