14.8 C
Bruxelles
Lunedi, June 24, 2024
InternazionaleI messaggi cristiani dell'autorità nell'incoronazione di Carlo III

I messaggi cristiani dell'autorità nell'incoronazione di Carlo III

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Carlo III e sua moglie Camilla furono incoronati a Londra, facendo di lui il quarantesimo monarca della storia britannica. La cerimonia di incoronazione e unzione si è svolta nell'abbazia di Westminster. La precedente incoronazione ebbe luogo settant'anni fa, il 2 giugno 1953, quando la madre di Carlo, la regina Elisabetta II, ricevette la corona britannica nello stesso luogo.

L'evento principale della cerimonia, l'unzione del re con l'olio santo, è stata eseguita da Justin Welby, arcivescovo di Canterbury. Ha unto la testa, le mani e il petto di Carlo con l'olio consacrato dal Patriarca ortodosso di Gerusalemme Teofilo al Santo Sepolcro (qui), sottolineando il legame con l'unzione reale dell'Antico Testamento, e ha posto la corona sulla testa del monarca. Durante l'unzione, un coro bizantino diretto da Alexander Lingas, insegnante di musica bizantina, ha eseguito il Salmo 71 e, dopo l'incoronazione, Carlo III è stato benedetto dall'arcivescovo ortodosso di Tiatira e della Gran Bretagna Nikitas.

La cerimonia contiene molto simbolismo cristiano e messaggi sulla natura del potere. Ecco qui alcuni di loro:

La processione all'abbazia di Westminster è stata accolta dall'arcivescovo di Canterbury e ha raggiunto l'ingresso della chiesa, accompagnata dalla lettura del Salmo 122 (121): “Andiamo alla casa del Signore”, il cui messaggio principale è la pacificazione: la nuovo monarca viene in pace e per stabilire la pace.

Il re prestò giuramento sulla Bibbia di Re Giacomo e gli fu data una Bibbia per ricordargli la legge di Dio e il Vangelo come regola per la vita e il governo dei monarchi cristiani. Inginocchiato davanti all'altare, ha detto la seguente preghiera, che ha sottolineato la visione cristiana del governo come servizio alle persone, non violenza su di loro: "Dio di compassione e misericordia, il cui Figlio non è stato mandato per essere servito, ma per servire, dona dammi la grazia di trovare al tuo servizio la perfetta libertà, e in questa libertà di conoscere la tua verità. Concedimi di essere una benedizione per tutti i Tuoi figli, di ogni fede e convinzione, affinché insieme possiamo scoprire le vie della mansuetudine ed essere condotti lungo i sentieri della pace; per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore. Amen."

Un bambino salutò il re con le parole: “Maestà, come figli del regno di Dio vi salutiamo nel nome del Re dei re”, ed egli rispose: “Nel suo nome e secondo il suo esempio non sono venuto a essere servito, ma per servire”.

Le insegne principali che il monarca ricevette erano una sfera d'oro con una preziosa croce, che simboleggia la cristianità e il ruolo del monarca britannico nella protezione della fede cristiana. Il re ricevette anche due scettri d'oro: il primo ha una colomba sulla punta, simbolo dello Spirito Santo, espressione della convinzione che l'autorità del monarca è benedetta da Dio e deve essere esercitata secondo le sue leggi. Lo scettro della colomba è un simbolo di autorità spirituale ed è anche conosciuto come lo "scettro della giustizia e della misericordia". Lo scettro dell'altro sovrano ha una croce e simboleggia il potere secolare, che è cristiano. Tutte e tre le insegne, così come la corona di Sant'Edoardo, sono state utilizzate all'incoronazione di ogni monarca britannico dal 1661.

Al re fu anche presentata la spada dello stato, dopo averla ricevuta recitò una preghiera per le vedove e gli orfani, ancora una volta come segno che la pace è il valore più alto a cui ogni sovrano cristiano dovrebbe tendere, e la guerra lascia la morte in mezzo.

Con la sua incoronazione, Carlo III divenne capo della Chiesa d'Inghilterra. Dal XVI secolo, quando la Chiesa anglicana interruppe i rapporti con la Chiesa cattolica romana e fu dichiarata religione di stato, i monarchi britannici iniziarono a guidarla, togliendo così al Papa il diritto di interferire nella vita della monarchia. La leadership ecclesiastica della Chiesa d'Inghilterra è esercitata dall'arcivescovo di Canterbury. Carlo III ricevette anche il titolo di “Custode della Fede”.

Foto illustrativa: Icona ortodossa di Tutti i Santi.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -