9.4 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 21, 2024
OpinioneCrisi educativa in Marocco: la responsabilità del primo ministro Aziz Akhannouch in...

Crisi educativa in Marocco: in discussione la responsabilità del primo ministro Aziz Akhannouch

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Lahcen Hammouch
Lahcen Hammouchhttps://www.facebook.com/lahcenhammouch
Lahcen Hammouch è un giornalista. Amministratore Delegato Bruxelles-Media. Sociologo dell'ULB.

La continua crisi nel settore dell'istruzione in Marocco sta sollevando preoccupazioni sulle conseguenze devastanti che potrebbero derivare dall'attuale gestione. Dopo anni di fallimento del sistema educativo marocchino, la fiducia della maggioranza dei cittadini sembra essersi erosa, sollevando interrogativi sulla responsabilità del governo guidato da Aziz Akhannouch, attuale primo ministro e uomo d'affari con legami miliardari.

I rapporti, sia internazionali che nazionali, continuano a evidenziare lo stato allarmante dell’istruzione in Marocco. Secondo uno studio della Bank al-Maghrib, il tasso di analfabetismo in Marocco è pari al 32.4%, evidenziando le persistenti carenze del sistema educativo. Inoltre, il 67% dei bambini marocchini non riesce a rispondere correttamente a una sola domanda di comprensione del testo, rivelando una profonda crisi nell'acquisizione delle competenze fondamentali.

In questo contesto, la responsabilità del governo, guidato dall’uomo d’affari e primo ministro Aziz Akhannouch, sta diventando motivo di preoccupazione, anche per il suo ruolo nella definizione delle politiche e degli stanziamenti di bilancio. Le statistiche del Ministero dell’Istruzione Nazionale mostrano che la proporzione del budget destinato all’istruzione rimane al di sotto delle raccomandazioni internazionali, non superando il 5.5% del PIL nel 2006.

La scarsità delle risorse finanziarie destinate all’istruzione, come evidenziato in uno studio dell’UNESCO, evidenzia le scelte politiche che possono avere un impatto negativo sul settore educativo. In qualità di Primo Ministro e di uno dei principali attori del governo, la responsabilità di Aziz Akhannouch e della sua squadra di governo per la crisi dell’istruzione è indiscutibile. Le decisioni politiche, inclusa la centralizzazione amministrativa e la mancanza di sostegno nelle zone rurali, stanno contribuendo ad aggravare le disparità educative.

È fondamentale che il governo, sotto la guida di Aziz Akhannouch, si assuma la sua parte di responsabilità per la crisi dell’istruzione, riconoscendo le carenze esistenti e adottando misure concrete per riformare il sistema. Ciò comporta una revisione delle politiche di bilancio, riforme strutturali e un impegno per un’istruzione di qualità per tutti i cittadini marocchini. In breve, la responsabilità del governo per questa crisi educativa non può essere ignorata e sono necessarie azioni significative per garantire un futuro educativo migliore ai giovani marocchini.

Gli scioperanti, chiedendo la cancellazione di tutte le decisioni disciplinari e sanzioni legate alle loro attività militanti, respingono fermamente lo statuto, sia nella forma che nel contenuto. Il loro appello include anche una richiesta pressante di salari e pensioni più alti. Purtroppo questa situazione si ripercuote negativamente sugli studenti, che subiscono le ripercussioni di questo conflitto.

All’ombra di questa persistente crisi educativa, viene evidenziata la responsabilità del governo, incarnato da Aziz Akhannouch, primo ministro e uomo d’affari miliardario. La necessità di riforme di vasta portata nel sistema educativo marocchino sta diventando imperativa per garantire un futuro educativo più promettente ai giovani del paese.

Il governo e il suo primo ministro Aziz Akhannouch avevano promesso di creare un milione di posti di lavoro e di far uscire dalla povertà un milione di famiglie. I partiti di maggioranza al governo avevano anche promesso di aumentare gli stipendi degli insegnanti a 7,500 dirham all'inizio della loro carriera, con un aumento di circa 300 dollari, nonché di aumentare gli stipendi degli operatori del settore sanitario.

Dopo un’inflazione di intenzioni e promesse, viviamo ora in un silenzio preoccupante, con un governo che non dice nulla sulla lotta alla corruzione o sulla riforma fiscale.

Originariamente pubblicato a Almouwatin.com

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -