8.3 C
Bruxelles
Mercoledì, aprile 24, 2024
ReligioneCristianesimoCristiani nell'esercito

Cristiani nell'esercito

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Autore ospite
Autore ospite
Guest Author pubblica articoli di contributori da tutto il mondo

Fr. Giovanni Bourdin

Dopo l'osservazione che Cristo non ha abbandonato la parabola “di resistere al male con la forza”, ho cominciato a convincermi che nel cristianesimo non esistevano soldati-martiri giustiziati per essersi rifiutati di uccidere o di imbracciare le armi.

Penso che questo mito sia nato con l'avvento della versione imperiale del cristianesimo. Si dice che i martiri guerrieri furono giustiziati solo perché si rifiutavano di offrire sacrifici alle divinità.

Tra loro, infatti, c'erano quelli che si rifiutavano completamente di combattere e uccidere, così come quelli che combattevano con i pagani ma rifiutavano di usare le armi contro i cristiani. Non è accettabile focalizzare l’attenzione sul perché nasce un mito così persistente.

Fortunatamente sono sopravvissuti gli atti dei martiri, in cui sono descritti in modo sufficientemente dettagliato i processi dei primi cristiani (anche contro i soldati).

Purtroppo pochi ortodossi russi li conoscono e ancora meno li studiano.

La vita dei santi, infatti, è piena di esempi di obiezione di coscienza al servizio militare. Permettetemi di ricordarne alcuni.

Fu proprio a causa del suo rifiuto di prestare servizio militare che nel 295 venne ucciso il santo guerriero Massimiliano. La trascrizione del suo processo è conservata nel suo Martirologio. In tribunale ha affermato:

“Non posso combattere per questo mondo… te lo dico, sono cristiano”.

In risposta, il proconsole ha sottolineato che i cristiani prestavano servizio nell'esercito romano. Massimiliano risponde:

“Questo è il loro lavoro. Anch’io sono cristiano e non posso servire”.

Allo stesso modo, San Martino di Tours lasciò l'esercito dopo essere stato battezzato. Si dice che sia stato convocato da Cesare per la consegna di un premio militare, ma si rifiutò di accettarlo, dicendo:

“Finora ti ho servito come soldato. Ora lasciami servire Cristo. Dai la ricompensa agli altri. Intendono combattere, e io sono un soldato di Cristo e non mi è permesso combattere”.

In una situazione simile si trovò il centurione San Marco, appena convertito, che durante una festa gettò via i suoi onori militari con le parole:

“Io servo Gesù Cristo, il Re eterno. Non servirò più il tuo imperatore e disprezzo il culto dei tuoi dei di legno e di pietra, che sono idoli sordi e muti.'

Sono stati conservati anche i materiali del processo contro St. Markel. Si dice che abbia dichiarato in questa corte che "... non è appropriato che un cristiano che serve il Signore Cristo presti servizio negli eserciti del mondo".

Per aver rifiutato il servizio militare per ragioni cristiane furono canonizzati San Kibi, San Cadoc e San Theagen. Quest'ultimo soffrì insieme a San Girolamo. Era un contadino insolitamente coraggioso e forte che fu arruolato nell'esercito imperiale come soldato promettente. Girolamo si rifiutò di prestare servizio, scacciò coloro che erano venuti a reclutarlo e insieme ad altri diciotto cristiani, anch'essi chiamati all'esercito, si nascosero in una grotta. I soldati imperiali presero d'assalto la grotta, ma non riuscirono a catturare i cristiani con la forza. Li eliminano con astuzia. Furono effettivamente uccisi dopo aver rifiutato di offrire sacrifici agli idoli, ma questo fu piuttosto l'ultimo punto della loro ostinata resistenza al servizio militare (quel giorno furono giustiziati un totale di trentadue coscritti cristiani).

La storia della legione di Tebe, comandata da San Maurizio, è meno documentata. Gli atti di martirio contro di loro non sono conservati, non essendoci stato alcun processo. Resta solo la tradizione orale, ricordata nell'epistola di S. Vescovo Eucherio. Dieci uomini di questa legione sono glorificati per nome. Gli altri sono conosciuti con il nome generico di martiri Agaun (non meno di mille persone). Non si sono completamente rifiutati di prendere le armi quando combattono contro i nemici pagani. Ma si ribellarono quando fu loro ordinato di reprimere una ribellione cristiana.

Dichiaravano che non potevano uccidere i loro fratelli cristiani in nessuna circostanza e per nessuna ragione:

“Non possiamo macchiarci le mani con il sangue di persone innocenti (cristiani). Siamo un giuramento davanti a Dio prima di giurare davanti a te. Non potrai avere alcuna fiducia nel nostro secondo giuramento se infrangiamo l'altro, il primo. Ci hai ordinato di uccidere i cristiani – guarda, siamo uguali”.

È stato riferito che la legione era magra e che un soldato su dieci veniva ucciso. Dopo ogni nuovo rifiuto, ne uccisero nuovamente uno su dieci finché non ebbero massacrato l'intera legione.

San Giovanni il Guerriero non si ritirò completamente dal servizio, ma nell'esercito fu impegnato in quella che in gergo militare viene chiamata attività sovversiva: avvisare i cristiani del prossimo raid, facilitare la fuga, visitare i fratelli e le sorelle gettati in prigione (tuttavia, secondo la sua biografia si può supporre che non dovette spargere sangue: probabilmente era nei reparti a guardia della città).

Penso che sarebbe un'esagerazione affermare che tutti i primi cristiani fossero pacifisti (se non altro perché non abbiamo abbastanza materiale storico sulla vita della Chiesa di quel periodo). Durante i primi due secoli, tuttavia, il loro atteggiamento nei confronti della guerra, delle armi e del servizio militare fu così nettamente negativo che l’ardente critico del cristianesimo, il filosofo Celso, scrisse: “Se tutti gli uomini si comportassero come voi, nulla impedirebbe all’imperatore di rimanendo completamente solo e con le truppe abbandonate da lui. L'impero cadrebbe nelle mani dei barbari più senza legge».

Al che il teologo cristiano Origene risponde:

“Ai cristiani è stato insegnato a non difendersi dai loro nemici; e poiché hanno osservato le leggi che prescrivono la mansuetudine e l'amore per l'uomo, hanno ottenuto da Dio ciò che non avrebbero potuto ottenere se fosse stato loro permesso di fare la guerra, anche se avrebbero potuto benissimo farlo.

Dobbiamo tenere conto di un altro punto. Il fatto che gli obiettori di coscienza non diventassero un grosso problema per i primi cristiani si spiega in gran parte non con la loro disponibilità a prestare servizio nell'esercito, ma con il fatto che gli imperatori non avevano bisogno di riempire l'esercito regolare di coscritti.

Vasily Bolotov ha scritto a questo proposito: "Le legioni romane furono rifornite di molti volontari che vennero ad arruolarsi". Pertanto, i cristiani potrebbero entrare nel servizio militare solo in casi eccezionali».

La situazione in cui i cristiani nell'esercito divennero numerosi, tanto che prestavano già servizio nella guardia imperiale, si verificò solo alla fine del III secolo.

Non è necessario che entrino in servizio dopo aver ricevuto il battesimo cristiano. Nella maggior parte dei casi a noi noti, sono diventati cristiani mentre erano già soldati. E qui infatti uno come Massimiliano può trovarsi nell'impossibilità di continuare nel servizio, e un altro sarà costretto a restarvi, limitando le cose che crede di poter fare. Ad esempio, non usare le armi contro i fratelli in Cristo.

I limiti di ciò che è consentito a un soldato convertito al cristianesimo furono chiaramente descritti all'inizio del III secolo da Sant'Ippolito di Roma nei suoi canoni (regole 3-10): “Riguardo al magistrato e al soldato: non uccidere mai , anche se hai ricevuto un ordine… Un soldato in servizio non dovrebbe uccidere un uomo. Se gli viene comandato, non deve eseguire il comando e non deve prestare giuramento. Se non lo vuole, venga rifiutato. Chi possiede il potere della spada, o è il magistrato della città che indossa l'indaco, cessi di esistere o sia rifiutato. I pubblicitari o i credenti che vogliono diventare soldati devono essere respinti perché hanno disprezzato Dio. Un cristiano non dovrebbe diventare un soldato a meno che non sia costretto da un capo armato di spada. Non deve caricarsi di peccati cruenti. Se invece ha sparso sangue, non deve partecipare ai sacramenti se non dopo essere stato purificato mediante la penitenza, le lacrime e il pianto. Non deve agire con astuzia, ma con timore di Dio”.

Solo con il passare del tempo la Chiesa cristiana cominciò a cambiare, ad allontanarsi dalla purezza dell'ideale evangelico, adattandosi alle esigenze del mondo, estraneo a Cristo.

E nei monumenti cristiani è descritto come avvengono questi cambiamenti. In particolare, nei materiali del Primo Concilio Ecumenico (Nicea), vediamo come, con l'adozione del cristianesimo come religione di stato, quei cristiani che si erano precedentemente ritirati dal servizio militare si precipitarono nell'esercito. Adesso pagano tangenti per tornare (vi ricordo che il servizio militare era un lavoro prestigioso e ben pagato – oltre ad un buon stipendio, il legionario aveva diritto anche ad un'ottima pensione).

A quel tempo la Chiesa ancora ne risentiva. La Regola 12 del Primo Concilio Ecumenico chiama tali “apostati”: «Coloro che sono chiamati per grazia alla professione di fede e hanno mostrato un primo impulso di gelosia togliendosi le cinture militari, ma poi, come un cane, sono tornati a il loro vomito, tanto che alcuni usarono denaro e doni anche per essere reintegrati nel grado militare: dopo aver trascorso tre anni ad ascoltare le Scritture nel portico, poi giacciano prostrati per dieci anni in chiesa, implorando perdono”. Zonara, nella sua interpretazione di questa norma, aggiunge che nessuno può restare in servizio militare se prima non ha rinunciato alla fede cristiana.

Alcuni decenni dopo, tuttavia, San Basilio Magno scrisse esitante sui soldati cristiani di ritorno dalla guerra: “I nostri padri non consideravano l'uccisione in battaglia un omicidio, scusando, mi sembra, i paladini della castità e della pietà. Ma forse sarà bene consigliare loro, poiché hanno le mani impure, di astenersi per tre anni dalla comunione ai santi Misteri.'

La Chiesa sta entrando in un periodo in cui deve trovare un equilibrio tra Cristo e Cesare, cercando di servire l'Uno e non offendere l'altro.

Nacque così il mito secondo cui i primi cristiani si astennero dal prestare servizio nell'esercito solo perché non volevano offrire sacrifici agli dei.

E così arriviamo al mito odierno secondo cui qualsiasi soldato (neppure cristiano) che combatte per la “giusta causa” può essere venerato come martire e santo.

Fonte: Pagina Facebook personale dell'autore, pubblicata il 23.08.2023.

https://www.facebook.com/people/%D0%98%D0%BE%D0%B0%D0%BD%D0%BD-%D0%91%D1%83%D1%80%D0%B4% D0%B8%D0%BD/pfbid02ngxCXRRBRTQPmpdjfefxcY1VKUAAfVevhpM9RUQbU7aJpWp46Esp2nvEXAcmzD7Gl/

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -