9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Nigeria: dal 40 agosto iniziano i 22 giorni di preghiera fino alla vigilia del Giorno dell'Indipendenza – Vatican News

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Paolo Samasumo – Città del Vaticano

“Gli omicidi in Nigeria sono in corso ormai da molto tempo. Sono molto preoccupanti ei Vescovi della Nigeria hanno dichiarato un periodo di preghiera di quaranta giorni che terminerà l'ultimo giorno di settembre. Poi una giornata di preghiera comune il 1° ottobre, che è anche la festa dell'indipendenza della nazione”, ha spiegato p. Patrick Alumuku, Direttore delle comunicazioni dell'arcidiocesi cattolica di Abuja in un'intervista ad Andrea De Angelis di Vatican News. È anche Direttore della Nigerian Catholic -CTV.

Prega Dio per salvare la Nigeria

Durante il periodo di preghiera, i Vescovi nigeriani hanno invitato tutti i cattolici a pregare, ogni giorno, un Padre Nostro, tre Ave Maria e una Gloria al Padre. Il 1° ottobre (Giorno dell'Indipendenza della Nigeria), i fedeli reciteranno i cinque decenni dei Misteri Dolorosi dei grani del Rosario “perché Dio salvi la Nigeria”.

I nigeriani sono frustrati dall'incapacità del governo di contenere l'insicurezza

Il periodo di preghiera di quaranta giorni si colloca sullo sfondo di persistenti attacchi terroristici per lo più perpetrati dai pastori di Boko Haram e Fulani, nonché da altre bande criminali. Gli attacchi sono particolarmente dilaganti nel nord della Nigeria. I cristiani sono spesso le vittime. Tuttavia, anche la violenza è indiscriminata ed è calcolata per causare quanto più caos e miseria possibile. Migliaia di cittadini innocenti sono ora sfollati interni in Nigeria o hanno cercato rifugio nei paesi vicini. I comuni nigeriani nei villaggi e nei luoghi pubblici sono perseguitati da una persistente insicurezza di fronte a omicidi, bombardamenti, coscrizioni e rapimenti sfacciati di donne e ragazze.

FR. Alumuku, ha detto Notizie dal Vaticano che i nigeriani, in particolare i cristiani, sono stanchi e frustrati dal fatto che, nonostante le molte promesse, le autorità non sono riuscite a contenere la diffusa insicurezza.

“Gli omicidi in Nigeria sono andati avanti per molto tempo senza l'intervento del governo. I cristiani sono frustrati ed esasperati da questa situazione e hanno persino chiesto un cambio di leadership nelle agenzie di sicurezza”, ha affermato p. Alumuku.

Ha aggiunto che c'è la sensazione che alcuni elementi del governo nigeriano potrebbero aiutare i terroristi a giudicare dall'inerzia del governo nel gestire la situazione della sicurezza del paese.

Le preghiere di papa Francesco confortano e sostengono la fede dei nigeriani

FR. Prosegue Alumuku: “La preghiera di papa Francesco e l'appello per la pace in Nigeria fatto nella festa dell'Assunzione (la scorsa settimana); anche l'invito dei Vescovi nigeriani a quaranta giorni di preghiera sono le cose che sostengono la fede cristiana del popolo nigeriano”, ha sottolineato.

FR. Alumuku ha inoltre fatto appello alla comunità internazionale affinché si unisca alle pressioni sul governo della Nigeria per "assicurare che i cristiani in Nigeria (possano anche) vivere in pace".

Il 15 agosto, Solennità dell'Assunzione della Beata Vergine Maria. Papa Francesco ha pregato per il nord della Nigeria dopo la preghiera dell'Angelus in Piazza San Pietro.

“Oggi vorrei pregare in particolare per la popolazione della regione settentrionale della Nigeria, vittima di violenze e attentati terroristici” pregò papa Francesco.

Ascolta la nostra intervista a padre Patrick Alumuku

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti