-0.9% C
Bruxelles
Mercoledì, gennaio 25, 2023

La straordinaria storia della tanica da 20 litri

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Doveva conquistare l'Europa per i nazisti, ma finì per conquistare il mondo intero.

Probabilmente ognuno di noi ha visto una normale tanica da 20 litri per il carburante. Ma sapevi che questa invenzione pratica è stata creata anche prima della seconda guerra mondiale, in cui ha svolto un ruolo importante?

Negli anni '1930 divenne sempre più chiaro in Europa che stava arrivando un nuovo conflitto militare, per il quale i paesi dovevano prepararsi adeguatamente. La Germania sta pianificando una nuova strategia per evitare il ripetersi degli orrori della guerra di trincea nella prima guerra mondiale. L'accento è posto sui veicoli blindati e sul loro rapido movimento, che tuttavia rappresenta un grave onere per la logistica.

I macchinari pesanti devono essere regolarmente riforniti di carburante, il che rappresenta ancora una grande sfida per l'approvvigionamento. E i carri armati sono facili da riconoscere e abbastanza vulnerabili. Pertanto, intorno alla metà degli anni '1930, i tedeschi iniziarono a cercare un nuovo contenitore (scatola, tubo) per il carburante che fosse facile da trasportare, durevole, il più leggero possibile, maneggevole e facile da riporre. Le scatole triangolari utilizzate fino ad allora non erano le più pratiche.

Diverse aziende partecipano al processo di gara con varie proposte che vengono testate dalle autorità tedesche in termini di praticità, durata, ecc. Il risultato dei test e delle varie modifiche è stato il barattolo da 20 litri Wehrmacht-Einheitskanister del 1937, sviluppato da Vincens Grünfogel – ingegnere senior per l'azienda tedesca Müller. La sua scatola è curata nei minimi dettagli, il che è confermato dal fatto che è praticamente prodotta ancora oggi senza grandi modifiche. Fu ancor più accettato da tutti gli Alleati durante la guerra.

Perché il Wehrmacht-Einheitskanister è un contenitore così speciale? In primo luogo, per la forma stessa, che consente di riporre un gran numero di scatole una accanto all'altra e una sopra l'altra. È anche possibile posizionare semplicemente il tubo sul veicolo o in cabina. Tuttavia, anche la costruzione è ben pensata.

La scatola è composta da due parti che devono essere saldate. Allo stesso tempo, il cordone di saldatura è al di sotto del livello delle pareti laterali, quindi non è soggetto a danni in caso di impatto. Anche la maniglia è semplicemente geniale, in realtà è composta da tre maniglie. L'idea: un soldato può facilmente trasportare due lattine piene (una per mano) o quattro vuote (due per mano). E se le forze si esauriscono, due soldati possono trasportare comodamente un tubo.

Le tre maniglie facilitano inoltre il passaggio di mano in mano durante il trasporto/movimentazione. Allo stesso tempo, l'esercito ha già elevati requisiti di facilità d'uso. Inoltre, quando la scatola non è troppo piena, rimane una sacca d'aria, grazie alla quale galleggia anche.

3a81554eced95772b1d7d0c463d94f61 7971580 - La straordinaria storia della tanica da 20 litri

Anche la velocità con cui il container può essere riempito e svuotato è importante per i militari. Pertanto, il Wehrmacht-Einheitskanister ha ricevuto un collo largo, che era inoltre dotato di un tubo sottile nella parte superiore, che forniva alimentazione d'aria e quindi il versamento diventava liscio. Inoltre, il coperchio può essere utilizzato per versare in modo relativamente preciso senza la necessità di utilizzare un imbuto.

La sua chiusura a leva ben studiata consente l'apertura/chiusura con una sola mano e senza bisogno di attrezzi. Grazie al sigillo, non esce nulla dalla scatola e può essere utilizzato più volte. L'interno è ricoperto di gomma, che consente il trasporto di acqua potabile e previene anche la corrosione interna.

Nel 1939, durante i preparativi per la guerra, l'esercito disponeva già di migliaia di container già pronti. Le parti motorizzate che ne sono dotate ricevono anche un tubo di gomma. Ciò dovrebbe consentire di ottenere carburante, ad esempio da auto parcheggiate o da altre fonti disponibili.

Ciò era particolarmente vero per i soldati britannici che entrarono in contatto per la prima volta con i tubi tedeschi durante lo sforzo per difendere la Norvegia. Tuttavia, il vantaggio delle scatole tedesche rispetto a quelle britanniche è stato pienamente dimostrato durante le ostilità in Nord Africa.

All'inizio della guerra, gli inglesi usavano contenitori metallici da 2 galloni imperiali (circa 9.1 litri) e 4 galloni imperiali (circa 18 litri) per il trasporto di carburante. Quello più piccolo è abbastanza forte ma costoso da produrre. Pertanto, il contenitore da 4 galloni è ampiamente utilizzato, ma presenta una serie di problemi. È fragile.

Questi contenitori sono fatti di una lega di stagno relativamente sottile e hanno giunzioni crimpate o saldate. Ma sono questi giunti che spesso si rompono e perdono durante il trasporto, con conseguenti grandi perdite di carburante. Ciò è particolarmente pericoloso quando si guida su strade sconnesse in Nord Africa, dove i container spesso perdono gran parte del loro contenuto.

C'è anche il problema del trasporto di un gran numero di questi container. Se le casse di legno non vengono utilizzate, ma impilate direttamente l'una sull'altra, le scatole sopra possono danneggiare quelle sottostanti. Gli Alleati persero così un ingente quantitativo di carburante, ma fughe nelle auto potevano anche provocare incendi e causare l'esplosione di almeno una nave da trasporto. C'è anche il problema dell'espansione del carburante nell'estremo caldo africano, che porta ancora una volta a guasti alla scatola e perdite.

Inoltre, il tubo ha solo una piccola maniglia, che complica il trasporto e richiede l'uso di un imbuto versatore. Inoltre, la costruzione fragile significa che la scatola non è adatta per un uso ripetuto. Pertanto, gli inglesi apprezzarono rapidamente il vantaggio delle scatole tedesche e iniziarono a usarle su larga scala.

d67cf73ec9ffde80e75e0cd073d98a73 7971578 - La straordinaria storia della tanica da 20 litri

Negli ultimi anni della guerra, gli Alleati iniziarono finalmente la propria produzione, che fu notevolmente facilitata dal fatto che ricevettero anche le specifiche tecniche per i container tedeschi. L'importanza delle casse tedesche è stata commentata anche dal presidente americano Franklin Roosevelt, secondo il quale sarebbe stato impossibile sfondare la Francia alla velocità della luce senza questi container.

Durante la guerra, il disegno delle scatole tedesche fu copiato anche dai russi, che in seguito lo adottarono come loro standard. La tanica tedesco-britannica divenne anche uno standard per gli eserciti dei paesi della NATO.

Nel 1970, il designer finlandese Eero Rislakki ha progettato la tanica di plastica, che è più leggera dell'originale e ancora abbastanza resistente. Successivamente la tuba fu adottata dall'esercito finlandese e messa a disposizione del pubblico. Oggi si usano ancora grandi lattine di latta da 20 litri, ma sono più pratiche quelle di plastica, più leggere e compatte, con un volume minore.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti