5.6 C
Bruxelles
Domenica, gennaio 15, 2023

I parchi nazionali sono la spina dorsale della conservazione: ecco come migliorarli

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

SciTech quotidiano
SciTech quotidianohttps://www.scitechdaily.com
SciTechDaily offre la migliore copertura e analisi scientifica e tecnologica intelligente e informata che puoi trovare su base giornaliera, procurandoti una vasta gamma di grandi scrittori e eccellenti istituti di ricerca

I corridoi tra i parchi nazionali degli Stati Uniti occidentali aumenterebbero notevolmente il tempo di persistenza dei mammiferi

I parchi nazionali svolgono un ruolo cruciale negli sforzi di conservazione, tuttavia, prove crescenti evidenziano i limiti di molti parchi in termini di conservazione di popolazioni autosufficienti a lungo termine e supporto di processi ecologici critici come migrazioni di grandi mammiferi e regimi di disturbo naturale. Questi parchi sono spesso troppo piccoli per raggiungere questi obiettivi.

Un nuovo studio di ricerca ha scoperto che il miglioramento della connettività ecologica, nota come "corridoi" o "collegamenti", tra molti dei parchi nazionali più antichi e più grandi degli Stati Uniti occidentali estenderebbe notevolmente il tempo in cui possono persistere molte popolazioni di specie di mammiferi. Lo studio è stato pubblicato l'11 gennaio 2023 sulla rivista Rapporti scientifici*. Gli autori hanno analizzato il valore della creazione di corridoi ecologici per i grandi mammiferi tra i parchi nazionali di Yellowstone e Glacier e tra i parchi nazionali di Mount Rainier e North Cascades. Le loro scoperte mostrano che questi corridoi non solo allargherebbero le popolazioni, ma permetterebbero anche alle specie di cambiare più facilmente le loro aree geografiche in risposta al cambiamento climatico.

"Eliminare le barriere di movimento tra i parchi e gestire più attentamente l'uso del suolo lungo questi percorsi è fondamentale per la sopravvivenza di molte specie di mammiferi", ha affermato William Newmark, curatore della ricerca presso il Museo di storia naturale dello Utah e autore principale dello studio. “La creazione di una rete estesa di aree protette basata su percorsi di mammiferi identificati e l'incorporazione di aree selvagge adiacenti amplierebbe notevolmente l'habitat disponibile per le specie di mammiferi. E questo avrebbe un effetto molto positivo sul tempo di persistenza delle specie».

ngcb2 - I parchi nazionali sono la spina dorsale della conservazione: ecco come migliorarli
Confronto dell'emivita di estinzione di comunità di mammiferi medio-grandi in singoli assemblaggi di parchi rispetto a reti di aree protette nel Nord America occidentale. L'emivita di estinzione è il tempo espresso in termini di numero di generazioni in cui la metà di tutte le specie finirà per estinguersi. Credito: Newmark et. al. (2023) Rapporti scientifici

Gli autori hanno scoperto che collegare il Parco nazionale di Yellowstone con il Parco nazionale dei ghiacciai e il Parco nazionale del Monte Rainier con il Parco nazionale di North Cascades aumenterebbe il tempo di persistenza a lungo termine delle specie di mammiferi di un fattore 4.3 rispetto al tempo di persistenza delle specie in ambienti frammentati e individuali. parchi.

La rete di corridoi proposta attraverserebbe autostrade a due e quattro corsie, il che richiederebbe molteplici ponti ecologici sopra e sotto le carreggiate. Fortunatamente, le autorità autostradali negli Stati Uniti occidentali e in Canada stanno iniziando a costruire tali cavalcavia e sottopassi per la fauna selvatica. 

"Tuttavia, sarà certamente necessario uno sforzo molto maggiore se vogliamo ridurre i noti impatti negativi delle autostrade sul movimento e la dispersione delle specie", ha affermato Paul Beier, professore emerito della Northern Arizona University e coautore dello studio. 

È ben supportato che i corridoi ecologici migliorino la persistenza della popolazione delle specie, ma la maggior parte degli studi sono stati esperimenti su piccola scala. Ci sono poche valutazioni del valore dei collegamenti ecologici su larga scala spaziale. L'analisi di questo studio si è basata in gran parte sui modelli di perdita di specie nel tempo in frammenti di habitat in tutto il mondo. 

"L'approccio analitico presentato in questo documento può fornire ai pianificatori e ai professionisti della conservazione un potente metodo per stabilire le priorità e quantificare il valore dei collegamenti ecologici tra le aree protette", ha affermato John Halley, professore all'Università di Ioannina e coautore dello studio.

Negli ultimi due decenni, ci sono stati sforzi in tutto il mondo per stabilire reti di riserve interconnesse da corridoi protetti. Una delle visioni più audaci è stata articolata per la prima volta un quarto di secolo fa dal coautore Michael Soulé, professore emerito all'Università della California, Santa Cruz, scomparso prima che questo documento fosse completato. Soulé ha sostenuto di stabilire una rete di aree protette che si estendesse dalla cima dell'Alaska fino alla punta meridionale del Sud America nella Terra del Fuoco. Un'iniziativa più focalizzata a livello regionale per collegare il territorio canadese dello Yukon al Parco nazionale di Yellowstone nelle Montagne Rocciose settentrionali ha compiuto notevoli progressi. 

L'analisi dello studio evidenzia gli effetti positivi che le iniziative di conservazione su larga scala possono avere sulla conservazione della biodiversità. Gli autori osservano che il miglioramento della connettività ecologica tra le aree protette negli Stati Uniti occidentali e in Canada potrebbe servire da modello importante per la conservazione della biodiversità su larga scala sia a livello nazionale che mondiale nel 21° secolo.

* Istituita nel 2011, Scientific Reports è una mega rivista scientifica ad accesso aperto con revisione paritaria pubblicata da Nature Portfolio, che copre tutte le aree delle scienze naturali. A settembre 2016 è diventata la più grande rivista al mondo per numero di articoli, superando PLOS ONE.

Riferimento: "La migliore connettività regionale tra i parchi nazionali del Nord America occidentale aumenterà la persistenza della diversità delle specie di mammiferi" di William D. Newmark, John M. Halley, Paul Beier, Samuel A. Cushman, Phoebe B. McNeally e Michael E. Soulé, 11 gennaio 2023, Rapporti scientifici.
DOI: 10.1038 / s41598-022-26428-z

Altri autori dello studio includono Phoebe B. McNeally dell'Università dello Utah e Samuel A. Cushman del Servizio forestale degli Stati Uniti.

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti