9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

La svolta dell'Alzheimer: trovato un nuovo bersaglio terapeutico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

SciTech quotidiano
SciTech quotidianohttps://www.scitechdaily.com
SciTechDaily offre la migliore copertura e analisi scientifica e tecnologica intelligente e informata che puoi trovare su base giornaliera, procurandoti una vasta gamma di grandi scrittori e eccellenti istituti di ricerca

La malattia di Alzheimer è un disturbo cerebrale progressivo che colpisce la memoria, il pensiero e il comportamento. È la causa più comune di demenza tra gli anziani ed è caratterizzata dalla perdita di cellule cerebrali e dal restringimento del tessuto cerebrale. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la malattia di Alzheimer colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e si prevede che questo numero triplicherà entro il 2050.


I ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE) hanno scoperto che la proteina medina si aggrega con l'amiloide-β nei vasi sanguigni del cervello di

Alzheimer
Il morbo di Alzheimer è una malattia che attacca il cervello, provocando un declino delle capacità mentali che peggiora nel tempo. È la forma più comune di demenza e rappresenta dal 60 all'80% dei casi di demenza. Non esiste una cura attuale per il morbo di Alzheimer, ma ci sono farmaci che possono aiutare ad alleviare i sintomi.

” data-gt-translate-attributes=”[{“attribute”:”data-cmtooltip”, “format”:”html”}]”>Pazienti di Alzheimer. Le loro scoperte sono state recentemente pubblicate sulla prestigiosa rivista Natura.

“Medin è noto da oltre 20 anni, ma la sua influenza sulle malattie era precedentemente sottovalutata. Siamo stati in grado di dimostrare che i cambiamenti patologici nei vasi sanguigni dei malati di Alzheimer sono significativamente potenziati dalla medina", afferma il dott. Jonas Neher del sito di Tubinga del DZNE, che ha guidato lo studio.


Anche l'Istituto Hertie per la ricerca clinica sul cervello di Tubinga, l'Università di Tubinga e varie istituzioni e partner internazionali sono stati coinvolti in questo progetto a lungo termine.

Medin appartiene al gruppo degli amiloidi. Di queste proteine, l'amiloide-β è meglio conosciuta perché si aggrega nel cervello dei malati di Alzheimer. Questi aggregati si depositano quindi sia come cosiddette placche direttamente nel tessuto cerebrale, ma anche nei suoi vasi sanguigni, danneggiando rispettivamente le cellule nervose e i vasi sanguigni. Ma mentre molti studi si sono concentrati sull'amiloide-β, la medina non è stata al centro dell'interesse. "C'erano poche prove di patologia, cioè di una scoperta clinicamente sorprendente associata a medina - e questo è spesso il prerequisito per uno studio più approfondito di un amiloide", spiega Jonas Neher.

Tuttavia, la medina si trova effettivamente nei vasi sanguigni di quasi tutte le persone di età superiore ai 50 anni, rendendola l'amiloide più comune conosciuta. Con il suo team, Jonas Neher ha inizialmente scoperto che la medina si sviluppa anche nei topi anziani e ha riportato questa scoperta due anni fa sulla rivista scientifica PNAS. Più i topi invecchiano, più medina si accumula nei vasi sanguigni del loro cervello, è stata la scoperta all'epoca. Inoltre, quando il cervello si attiva e innesca un aumento dell'afflusso di sangue, i vasi con depositi di medina si espandono più lentamente di quelli senza medina. Questa capacità dei vasi sanguigni di espandersi, tuttavia, è importante per fornire in modo ottimale al cervello ossigeno e sostanze nutritive.


Per i loro ultimi risultati, i ricercatori hanno costruito su questa base e hanno esaminato specificamente il morbo di Alzheimer. In primo luogo, sono stati in grado di dimostrare nei modelli murini di Alzheimer che la medina si accumula ancora più fortemente nei vasi sanguigni del cervello se sono presenti anche depositi di amiloide-β. È importante sottolineare che questi risultati sono stati confermati quando è stato analizzato il tessuto cerebrale di donatori di organi con demenza di Alzheimer. Tuttavia, quando i topi sono stati geneticamente modificati per prevenire la formazione di medina, si sono sviluppati significativamente meno depositi di amiloide-β e, di conseguenza, si sono verificati meno danni ai vasi sanguigni.

"Ci sono solo una manciata di gruppi di ricerca in tutto il mondo che lavorano su medin", afferma Jonas Neher. Più recentemente, uno studio condotto negli Stati Uniti ha riportato che i livelli di medina possono aumentare nei malati di Alzheimer. Tuttavia, non è chiaro se questo aumento sia semplicemente una conseguenza della malattia o se ne sia una delle cause.

"Ora siamo stati in grado di dimostrare attraverso molti esperimenti che la medina promuove effettivamente la patologia vascolare nei modelli di Alzheimer", ha detto Neher. Quindi i depositi di medina sono davvero una causa di danni ai vasi sanguigni. "E questo indica che la medina è una delle cause della malattia", ha detto Neher.

Nei loro studi, i ricercatori hanno colorato sezioni di tessuto sia di topi che di malati di Alzheimer in modo tale da rendere visibili specifiche proteine. Ciò ha permesso loro di dimostrare che la medina e l'amiloide-β sono depositate insieme nei vasi sanguigni del cervello: co-localizzazione è il termine tecnico per questo. Nella fase successiva, sono stati in grado di dimostrare che anche questi due amiloidi si aggregano, cioè formano depositi misti.


"Sorprendentemente, la medina interagisce direttamente con l'amiloide-β e ne promuove l'aggregazione - questo era completamente sconosciuto", Jonas Neher riassume i risultati.

È proprio da questa intuizione che i ricercatori traggono speranza per lo sviluppo di un nuovo trattamento. "Medin potrebbe essere un bersaglio terapeutico per prevenire il danno vascolare e il declino cognitivo derivante dall'accumulo di amiloide nei vasi sanguigni del cervello", concludono. È indiscusso tra gli esperti che oltre agli aggregati di beta-amiloide nel tessuto cerebrale, lo sviluppo della malattia di Alzheimer è favorito anche da alterazioni vascolari, cioè da una ridotta funzionalità o da danni ai vasi sanguigni. Pertanto, i trattamenti mirati non solo alle placche ma anche ai vasi sanguigni interessati potrebbero aiutare i pazienti.

Successivamente, sarà ora necessario determinare se gli aggregati di medina possono essere rimossi terapeuticamente e se questo intervento ha effettivamente un effetto sulle prestazioni cognitive. Gli scienziati vogliono prima testarlo su modelli murini, perché questi riflettono molto bene i cambiamenti patologici nei malati di Alzheimer.

Riferimento: "Medin co-aggregati con amiloide-β vascolare nella malattia di Alzheimer" di Jessica Wagner, Karoline Degenhardt, Marleen Veit, Nikolaos Louros, Katerina Konstantoulea, Angelos Skodras, Katleen Wild, Ping Liu, Ulrike Obermüller, Vikas Bansal, Anupriya Dalmia, Lisa M. Häsler, Marius Lambert, Matthias De Vleeschouwer, Hannah A. Davies, Jillian Madine, Deborah Kronenberg-Versteeg, Regina Feederle, Domenico Del Turco, K. Peter R. Nilsson, Tammaryn Lashley, Thomas Deller, Marla Gearing, Lary C Walker, Peter Heutink, Frederic Rousseau, Joost Schymkowitz, Mathias Jucker e Jonas J. Neher, 16 novembre 2022, Natura.
DOI: 10.1038/s41586-022-05440-3


- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti