6.3 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Pericolo sul posto di lavoro? Polveri comuni trovate per aumentare il rischio di artrite

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

svg%3E - Pericolo sul posto di lavoro? Polveri comuni trovate per aumentare il rischio di artrite

L'artrite reumatoide (RA) è una malattia autoimmune cronica che causa infiammazione e danni alle articolazioni, così come ad altri organi del corpo. È caratterizzata da sintomi come dolori articolari, rigidità e gonfiore e può portare a perdita di funzionalità e mobilità.


Possono anche amplificare gli effetti negativi del fumo e della predisposizione genetica sul rischio di malattia.

Polveri e fumi comuni sul posto di lavoro provenienti da agenti come vapori, gas e solventi possono aumentare il rischio di sviluppare l'artrite reumatoide (AR), secondo una ricerca pubblicata nel Annali delle malattie reumatiche. Inoltre, lo studio suggerisce che queste sostanze possono amplificare gli effetti negativi del fumo e della predisposizione genetica sul rischio di RA.

L'AR è una malattia autoimmune cronica che causa infiammazione e danni alle articolazioni, così come ad altri organi del corpo. Colpisce fino all'1% della popolazione mondiale ed è caratterizzata da sintomi come dolori articolari, rigidità e gonfiore.


Mentre è noto che il fumo di sigaretta aumenta il rischio di sviluppare l'artrite reumatoide, non è noto quale impatto possa avere la respirazione di polveri e fumi sul posto di lavoro.

Nel tentativo di scoprirlo, i ricercatori hanno attinto ai dati della Swedish Epidemiological Investigation of RA. Questo comprende 4033 persone di nuova diagnosi tra il 1996 e il 2017 e altre 6485 appaiate per età e sesso, ma libere dalla malattia (gruppo di confronto).

Le storie di lavoro personali sono state fornite e utilizzate per stimare la quantità di esposizione individuale a 32 agenti sul posto di lavoro in volo, utilizzando una tecnica convalidata. Ad ogni partecipante è stato assegnato un punteggio di rischio genetico (GRS), in base al fatto che fossero portatori di geni che potrebbero aumentare le loro possibilità di sviluppare l'artrite reumatoide.


L'artrite reumatoide è caratterizzata dalla presenza o dall'assenza di anticorpi proteici anti-citrullinati o ACPA in breve. La positività ACPA denota una prognosi peggiore con tassi più elevati di danno articolare erosivo.

Quasi tre quarti di quelli con artrite reumatoide risultata positiva (73%) e negativa (72%) per ACPA era stata esposta ad almeno una polvere o fumo sul posto di lavoro rispetto a circa due terzi (67%) delle persone nel gruppo di confronto .

L'analisi dei dati ha mostrato che l'esposizione agli agenti sul posto di lavoro non solo era associata a un aumento del rischio di sviluppare l'artrite reumatoide, ma sembrava anche aumentare ulteriormente tale rischio interagendo con il fumo e la suscettibilità genetica.

L'esposizione a qualsiasi agente sul posto di lavoro è stata associata a un aumento del rischio del 25% di sviluppare artrite reumatoide ACPA-positiva, in generale. E questo rischio è aumentato al 40% negli uomini.


Nello specifico, 17 agenti su 32, tra cui quarzo, amianto, fumi di diesel, fumi di benzina, monossido di carbonio e fungicidi, erano fortemente associati a un aumentato rischio di sviluppare malattie ACPA-positive. Solo pochi agenti - polvere di quarzo (silice), amianto e detergenti - erano fortemente associati alla malattia ACPA-negativa.

Il rischio è aumentato di pari passo con il numero di agenti e la durata dell'esposizione, con le associazioni più forti osservate per esposizioni della durata di circa 8-15 anni. Gli uomini tendevano ad essere stati esposti a più agenti e più a lungo rispetto alle donne.

La "tripla esposizione" a un agente sul posto di lavoro, più il fumo, più un GRS elevato, era associata a un rischio molto elevato di malattia ACPA-positiva, che andava da 16 a 68 volte superiore, rispetto alla "tripla non esposizione".

In particolare, il rischio di sviluppare artrite reumatoide ACPA-positiva per la tripla esposta era 45 volte superiore per i gas di scarico dei motori a benzina, 28 volte superiore per gli scarichi diesel, 68 volte superiore per gli insetticidi e 32 volte superiore per la polvere di quarzo (silice). L'intervallo corrispondente per la malattia ACPA-negativa non era significativo.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa. I ricercatori riconoscono anche diverse limitazioni alle loro scoperte: lo studio si è basato sul ricordo personale; e mentre le stime dell'esposizione sono state derivate utilizzando un metodo convalidato, i risultati possono essere relativamente grezzi.

E dato che spesso ci sono diversi agenti sul posto di lavoro in qualsiasi momento, è difficile individuare quali potrebbero essere i potenziali fattori scatenanti.

Tuttavia, i ricercatori concludono: "Gli agenti inalabili occupazionali potrebbero agire come importanti fattori scatenanti ambientali nello sviluppo dell'AR e interagire con il fumo e i geni del rischio RA, portando a un rischio eccessivo per l'AR ACPA-positivo".

Aggiungono: "Il nostro studio sottolinea l'importanza delle protezioni respiratorie professionali, in particolare per le persone geneticamente predisposte all'AR".



I risultati dello studio hanno diverse importanti implicazioni per lo sviluppo e la prevenzione delle malattie, osserva il dott. Jeffrey Sparks, del Brigham and Women's Hospital, Boston, USA, in un editoriale collegato.

“In primo luogo, ogni agente inalabile professionale aveva un profilo unico del modo in cui interagiva con i geni di rischio RA e con il fumo... Queste interazioni uniche suggeriscono che se la relazione tra agenti inalabili e RA è effettivamente causale, potrebbero farlo attraverso percorsi distinti. "

Alludendo alle associazioni più forti trovate per la positività ACPA, il dott. Sparks commenta che i risultati supportano ulteriormente la crescente convinzione che la malattia ACPA-positiva possa essere molto diversa dall'artrite reumatoide ACPA-negativa.

Sono necessari maggiori sforzi di sanità pubblica per ridurre il rischio di sviluppare l'artrite reumatoide, conclude.


“In primo luogo, le iniziative di salute ambientale dovrebbero ridurre l'esposizione pubblica agli inquinanti ambientali, tra cui il monossido di carbonio e lo scarico della benzina. In secondo luogo, le iniziative di salute sul lavoro dovrebbero mitigare i rischi professionali, compresi i detergenti e l'amianto. In terzo luogo, le iniziative di sanità pubblica dovrebbero continuare a ridurre il fumo di sigaretta", scrive.

Riferimenti: "Gli agenti inalabili occupazionali costituiscono i principali fattori di rischio per l'artrite reumatoide, in particolare nel contesto della predisposizione genetica e del fumo" di Bowen Tang, Qianwen Liu, Anna Ilar, Pernilla Wiebert, Sara Hägg, Leonid Padyukov, Lars Klareskog, Lars Alfredsson e Xia Jiang, 6 dicembre 2022, Annali delle malattie reumatiche.
DOI: 10.1136/ard-2022-223134

"Inalanti professionali, genetica e paradigma della mucosa respiratoria per l'artrite reumatoide ACPA-positiva" di Vanessa L Kronzer e Jeffrey A Sparks, 6 dicembre 2022, Annali delle malattie reumatiche.
DOI: 10.1136/ard-2022-223286

Lo studio è stato finanziato dalla Swedish Research Foundation for Health, Working Life and Welfare, dal Swedish Research Council, dalla fondazione AFA e dalla Swedish Rheumatic Foundation. 


- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti