7.9 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

I Paesi Bassi hanno adottato una risoluzione contro Bulgaria e Romania a Schengen

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Il documento dice che il governo olandese non dovrebbe votare sull'adesione

Il 20 ottobre il parlamento olandese ha adottato una risoluzione diretta contro l'ingresso di Bulgaria e Romania nell'area Schengen.

Il documento dice che il governo olandese non dovrebbe votare sull'adesione dei due paesi dell'Europa orientale fino a quando non sarà certo che soddisfino tutte le condizioni per Schengen.

Lo ha annunciato per l'”Adgerpress” rumeno l'eurodeputata olandese Sofia in't Veld, coordinatrice della Commissione per le libertà civili del Parlamento europeo.

Martedì, il Parlamento europeo ha votato a larga maggioranza una risoluzione che invita gli Stati membri a consentire alla Romania e Bulgaria entrare nell'area Schengen per viaggiare gratuitamente.

“Con mio grande rammarico, il parlamento olandese ha approvato una risoluzione in cui si afferma che i Paesi Bassi non dovrebbero votare per l'adesione della Romania e Bulgaria all'area Schengen. Me ne rammarico profondamente. Il mio partito ha votato contro questa risoluzione, vogliamo che Romania e Bulgaria aderiscano immediatamente Schengen area, hai soddisfatto i criteri necessari. Devi capire che non tutti nei Paesi Bassi sono contrari. Il mio partito vuole che la Bulgaria e la Romania aderiscano immediatamente a Schengen, ma la maggior parte dei partiti al governo non lo vuole”, ha detto Sofia in't Veld.

La risoluzione chiede un'analisi del funzionamento dello Stato di diritto, della riduzione del livello di corruzione e criminalità organizzata in Bulgaria e Romania.

Commentando la risoluzione, il primo ministro rumeno Nicolae Cuca ha affermato che non lo preoccupava, poiché la Romania aveva fatto tutto il necessario per soddisfare i requisiti tecnici per l'adesione, in particolare per quanto riguarda il rispetto delle condizioni relative allo stato di diritto. corruzione e criminalità organizzata. Ha aggiunto che i funzionari olandesi potrebbero venire in visita conoscitiva se pensavano che ci fossero problemi.

Attualmente, tra i EU Stati membri, solo Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda e Romania non fanno parte dell'area Schengen, che comprende anche paesi non membri dell'Unione Europea – Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein.

Foto di Christian Lu on Unsplash

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti