3.1 C
Bruxelles
Domenica, gennaio 29, 2023

L'UE spreca 153 milioni di tonnellate di cibo all'anno

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Secondo un rapporto di Feedback EU, l'UE spreca più cibo di quello che importa e potrebbe frenare l'inflazione dei prezzi alimentari semplicemente limitando lo spreco di cibo. Secondo i calcoli dello studio, ogni anno nell'UE vengono sprecate circa 153 milioni di tonnellate di cibo, il doppio delle stime precedenti e 15 milioni di tonnellate in più rispetto a quelle importate, scrive il Guardian.

La quantità di grano sprecata nella sola UE è equivalente a circa la metà delle esportazioni di grano dell'Ucraina e a un quarto delle esportazioni dell'UE di altri cereali, afferma il rapporto.

“In un momento di prezzi alimentari elevati e di crisi del tenore di vita, è scandaloso che il EU butta via costantemente più cibo di quello che importa. L'UE ha ora un'enorme opportunità di fissare obiettivi legalmente vincolanti per dimezzare gli sprechi alimentari lungo il percorso dal campo alla tavola 2030 per affrontare i cambiamenti climatici e migliorare la sicurezza alimentare", ha affermato Frank Mehilsen, direttore di Feedback EU.

Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), il mese scorso i prezzi alimentari globali sono stati dell'8% più alti rispetto all'anno precedente, in parte a causa della guerra in Ucraina.

Quest'anno, i prezzi di grano, mais e soia hanno persino superato i record stabiliti al culmine della crisi finanziaria globale nel 2008.

Abdolreza Abbasian, analista del mercato dei cereali ed ex economista senior della FAO, ha affermato che l'era del cibo a buon mercato è finita e che i prezzi probabilmente rimarranno alti anche dopo la fine della guerra russo-ucraina.

"A causa della situazione energetica, della situazione dei fertilizzanti, dell'incertezza nel mondo, compresi i trasporti e l'approvvigionamento, per non parlare del cambiamento climatico, dobbiamo accettare che non vedremo i prezzi dei generi alimentari ai livelli di dieci anni fa in cui eravamo era solito”, ha detto.

Olivier de Schueter, co-presidente del Gruppo di esperti internazionali sui sistemi alimentari sostenibili e Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla povertà estrema e diritti umani, ha affermato che il problema era che l'industria alimentare aveva storicamente creduto che i rifiuti fossero più redditizi dell'efficienza.

"A entrambe le estremità della catena alimentare, è costoso ridurre gli sprechi ed è redditizio vendere alle persone più cibo di quello di cui hanno bisogno", ha affermato. "Anche la data di scadenza è impostata in modo da costringere le persone ad acquistare più di quanto possono effettivamente consumare".

Bruxelles dovrebbe presentare una proposta per i primi obiettivi al mondo legalmente applicabili per ridurre gli sprechi alimentari entro la fine dell'anno: 43 organizzazioni non profit verdi hanno sostenuto la richiesta dell'UE di ridurre i rifiuti del 50% entro il 2030.

Il rapporto indica le fonti di circa 90 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari per la produzione primaria, tre volte di più rispetto ai rifiuti domestici. La maggior parte di ciò probabilmente non viene registrata, poiché le misurazioni dei rifiuti nell'UE di solito escludono gli alimenti lasciati non raccolti, non utilizzati o invenduti nelle fattorie.

Si stima che circa il 20% del cibo prodotto nell'UE venga sprecato ogni anno, con un costo annuo di 143 miliardi di euro alle imprese e alle famiglie dell'UE.

Uno studio separato pubblicato lunedì su Nature Food ha scoperto che il commercio di grano e mais allevierebbe solo parzialmente la carenza di cibo globale causata dalla guerra in Ucrainae a costo di aumentare le emissioni di carbonio.

Foto di Olga Lioncat: https://www.pexels.com/photo/autumn-composition-with-pumpkins-assorted-bread-in-basket-placed-on-plaid-on-grassy-lawn-7245432/

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti