8.1 C
Bruxelles
Lunedi, 30 ° gennaio, 2023

Le Nazioni Unite elimineranno presto le restrizioni sul cibo russo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

L'ONU promette che nel prossimo futuro otterrà l'abolizione delle restrizioni sulle esportazioni alimentari russe in conformità con la Black Sea Grain Initiative. Lo afferma Dmitry Polyansky, primo vice rappresentante permanente della Federazione Russa all'ONU, citato da "Interfax".

“L'ONU ci promette che il risultato è imminente. Quando prendiamo una decisione, valuteremo l'efficacia dell'attuazione della parte russa dell'accordo e l'efficacia degli sforzi pertinenti delle Nazioni Unite", ha affermato Poliansky.

Il diplomatico ha osservato che le Nazioni Unite hanno tempo fino al 18 novembre per adempiere ai propri obblighi: questa data è stata definita la "scadenza logica" per l'attuale accordo.

In precedenza, ha detto il ministero della Difesa russo Ucraina aveva garantito che non avrebbe utilizzato il corridoio marittimo umanitario nel Mar Nero per attaccare la marina russa, dopodiché il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato al paese di riprendere la sua partecipazione alla Black Sea Grain Initiative.

Ricordiamo che il 3 novembre il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, durante la sua visita nella capitale giordana Amman, ha chiesto alle Nazioni Unite, mediatrici nell'accordo sull'esportazione di grano dai porti ucraini, di contribuire all'attuazione delle parti dell'accordo progettato per facilitare le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti.

Le esportazioni agricole russe non sono specificamente coperte dalle sanzioni imposte da Stati Uniti, Unione Europea e altri, ma Mosca afferma di essere gravemente ostacolata dalle restrizioni ai suoi settori finanziario, logistico e assicurativo.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, durante la sua visita alla capitale giordana Amman, ha invitato le Nazioni Unite, che stanno mediando l'accordo per esportare grano dai porti ucraini, per aiutare ad attuare parti dell'accordo progettate per facilitare le esportazioni di cibo e fertilizzanti russi, riferisce Reuters.

Mercoledì, la Russia ha ripreso a partecipare all'iniziativa dopo una pausa di quattro giorni, allentando la pressione sui prezzi alimentari e dissipando i timori di una rinnovata crisi alimentare globale.

L'accordo scadrà il 19 novembre e Mosca ha chiarito che vuole fare di più per assicurarsi di poter esportare la propria produzione di cibo e fertilizzanti tra le sanzioni occidentali imposte sulla guerra in Ucraina.

"Ancora non vediamo risultati per quanto riguarda il secondo aspetto: la rimozione degli ostacoli all'esportazione di fertilizzanti e grano russi", ha detto il ministro degli Esteri Sergey Lavrov in una conferenza stampa con il suo omologo giordano.

"Abbiamo chiesto ancora una volta al Segretario generale delle Nazioni Unite di garantire che adempia agli obblighi che ha accettato di propria iniziativa", ha aggiunto Lavrov. Ha detto che la situazione dovrebbe essere risolta “in un futuro molto prossimo”.

"Se parliamo dei volumi di fertilizzanti e cereali in questione, questi volumi da parte russa sono incomparabilmente maggiori rispetto a quelli da parte ucraina", ha affermato Lavrov.

Le esportazioni agricole russe non sono specificamente coperte dalle sanzioni imposte da Stati Uniti, Unione Europea e altri, ma Mosca afferma di essere gravemente ostacolata dalle restrizioni ai suoi settori finanziario, logistico e assicurativo.

L'iniziativa – mediata da Turchia e l'ONU – è stato concordato a luglio per 120 giorni.

Alla domanda giovedì se la decisione della Russia di tornare all'accordo significasse che fosse pronta ad accettare una proroga, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto: "No, non significa questo".

"È necessario valutare... come vengono eseguiti tutti gli aspetti dell'accordo, tutti i parametri degli accordi e quindi prendere una decisione".

La Russia ha sospeso la sua partecipazione all'accordo a causa dell'attacco al porto navale di Sebastopoli, ma mercoledì è tornata sull'accordo e ha promesso che anche se si ritirasse di nuovo, non impedirebbe le forniture Ucraina in Turchia.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti