7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Violazioni del diritto alla vita

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Le autorità degli stati americani dell'Arizona e del Texas hanno eseguito le condanne a morte di due prigionieri condannati per brutale omicidio, ha riferito oggi l'Associated Press. Uno giustiziato ha ucciso due persone 42 anni fa, e l'altro ha ucciso la sua ragazza incinta e suo figlio di 7 anni nel 2005.

Murray Hooper, 76 anni, ha ricevuto un'iniezione letale nella prigione di stato di Florence per le sue condanne per gli omicidi del 1980 di William "Pat" Redmond e di sua suocera, Helen Phelps, a casa di Redmond a Phoenix. Anche la moglie di Redmond, Marilyn, è stata colpita alla testa durante l'attacco, ma è sopravvissuta e ha testimoniato contro Hooper al processo.

Le autorità affermano che gli omicidi sono stati ordinati da un uomo che voleva rilevare gli affari di Redmond.

La morte di Hooper è stata annunciata da Frank Strada, vicedirettore del Dipartimento di correzione, riabilitazione e rientro dell'Arizona.

Hooper ha riso diverse volte mentre comunicava con il team di esecuzione, ha riferito l'AP. Sono trascorsi più di 20 minuti dal momento in cui i membri della squadra di esecuzione sono entrati nella stanza al momento in cui il sedativo pentobarbital è stato iniettato nelle sue vene.

Dopo che l'ordine di esecuzione fu letto ad alta voce, Hooper disse: «È stato detto tutto. Lascia che sia fatto. Ha poi detto ai suoi avvocati, amici e familiari: “Non piangete per me, non siate tristi”.

L'Arizona non ha eseguito la pena di morte per quasi otto anni a seguito delle critiche secondo cui un'esecuzione del 2014 è stata fallita e delle difficoltà nel procurarsi farmaci per l'esecuzione. Non sono attualmente previste altre esecuzioni nello stato, dove 110 persone sono nel braccio della morte.

Un'altra esecuzione è stata eseguita contro un detenuto del Texas che ha ucciso la sua ex fidanzata incinta e suo figlio di 7 anni più di 17 anni fa.

Stephen Barbee, 55 anni, ha ricevuto un'iniezione letale nella prigione di stato di Huntsville. È stato condannato per la morte nel febbraio 2005 di Lisa Underwood, 34 anni, e di suo figlio Jaden, strangolati nella loro casa di Fort Worth. Successivamente furono trovati sepolti in una fossa poco profonda nella vicina contea di Denton. Ieri la Corte Suprema Usa ha rigettato il ricorso dei legali di Barbee per sospendere l'esecuzione.

Sette prigionieri, tra cui due donne, sono stati giustiziati il ​​16 novembre 2022 in Kuwait durante una visita della CE, dove le condanne a morte sono raramente eseguite, ha riferito l'Associated Press.

Lo stato del Golfo, ricco di petrolio, ha eseguito le esecuzioni che aveva riportato in precedenza, nonostante la condanna internazionale delle sue intenzioni.

L'agenzia di stampa governativa KUNA ha affermato che le persone giustiziate oggi sono state condannate per omicidio premeditato o altri reati gravi. Si tratta di tre kuwaitiane e una donna kuwaitiana, una siriana, una pakistana e una etiope.

Il Kuwait riferisce che le condanne a morte sono state eseguite nella prigione centrale del Paese.

Tale esecuzione non ha avuto luogo in Kuwait dal 2017, quando sono state nuovamente eseguite sette condanne a morte, tra cui un membro della famiglia monarchica regnante.

L'Unione Europea ha immediatamente condannato le esecuzioni, che hanno coinciso con la visita nel Paese di Margaritis Schinas – Vicepresidente della Commissione Europea incaricata di “Confermare il nostro stile di vita europeo”.

"La EU chiede lo stop alle esecuzioni e una moratoria de facto sulla pena di morte come primo passo verso il suo divieto formale e totale in Kuwait", ha affermato il sindacato in un comunicato, descrivendo la pena di morte come una punizione crudele e disumana.

In una dichiarazione separata, Schinas ha avvertito che l'UE "trarrà le proprie conclusioni dal caso quando discuterà se includere il Kuwait nell'elenco senza visti". Il Parlamento europeo prevede di votare domani la revoca delle restrizioni sui visti per i cittadini del Kuwait e del Qatar.

L'Unione europea intende convocare l'ambasciatore kuwaitiano a Bruxelles. L'organizzazione "Amnesty International" in precedenza ha chiesto la cancellazione delle esecuzioni. Da lì, hanno definito la condanna a morte “una violazione del diritto alla vita e la pena più crudele, disumana e degradante possibile”.

Le autorità kuwaitiane hanno eseguito le condanne per impiccagione dopo l'approvazione dell'emiro del paese, ha riferito AFP.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti