9.8 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Crescente collaborazione tra i mercati portoghesi e americani

Nel 2021, le esportazioni portoghesi del settore tessile negli Stati Uniti sono aumentate del 42.8% e la tendenza è destinata a continuare mentre le aziende americane cercano alternative all'Asia. Questo, però, è solo un esempio di come le due economie stiano cooperando sempre di più.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

João Ruy Faustino
João Ruy Faustino
João Ruy è un freelance portoghese che scrive di attualità politica europea per The European Times. Ha un blog sui film in "O Gavião" ed è un collaboratore di BANG! Rivista. Ex critico cinematografico della Central Comics.

Mercati // Nel 2021, le esportazioni portoghesi del settore tessile verso gli Stati Uniti sono aumentate del 42.8% e la tendenza è destinata a continuare mentre le aziende americane cercano alternative all'Asia. Questo, però, è solo un esempio di come le due economie stiano cooperando sempre di più.

Questo fenomeno è stato riportato per la prima volta dal settimanale “Espresso”, dove sono stati rivelati al pubblico molti dei dati sulle esportazioni del 2022 delle principali industrie portoghesi. Rafael Campos Pereira ha previsto che il settore dell'industria metallurgica "chiuderà l'anno con esportazioni superiori a 20 miliardi di euro, il 10% in più rispetto al record del 2021". Pur non essendo ancora il principale beneficiario delle esportazioni del settore, la quota americana “è cresciuta del 70% in otto mesi”. Una crescita simile, anche se non così elevata, sta iniziando a essere osservata in tutta l'industria portoghese. L'industria automobilistica, anche dopo un anno “difficile”, quest'anno ha esportato negli Stati Uniti il ​​25% in più. Anche il citato settore tessile ha avuto un incremento consistente, e anche il settore calzaturiero ha registrato “incrementi del 50% in valore e del 15% in volume” sulle esportazioni verso gli States.

L'elenco non finisce qui; anche il settore immobiliare, attualmente fiorente in Portogallo grazie ai residenti con "visto d'oro" e ai nomadi digitali, è sostenuto in gran parte dagli Stati Uniti. Il paese è passato dall'essere il 5° partner più grande al 3° quest'anno. Ciò non sorprende gli addetti ai lavori del settore, poiché il Portogallo si è fortemente promosso negli Stati Uniti per anni, una mossa segnalata da "Il giornale di Wall Street" e "Il Los Angeles Times"

La strategia per attirare pensionati americani, "nomadi digitali" e milionari nelle aree rurali del paese, per lo più abbandonate e dimenticate, è stata un successo. Il clima, la sicurezza e il basso costo della vita del Portogallo lo rendono più accogliente per questo gruppo demografico rispetto ad altri EU Paesi. Il governo portoghese ha aggiunto a questi benefici implementando un sistema di incentivi fiscali per gli immigrati ricchi.

Gli uomini d'affari hanno anche menzionato altri motivi per l'aumento degli investimenti americani e della presenza in Portogallo. Il relativo distacco del Paese dalla recessione economica causata dalla guerra in Ucraina, e la costante ripresa economica dalla pandemia sono alcuni di questi. Ma la principale, come ha detto al settimanale Mário Jorge Machado, è che le aziende americane sono alla ricerca di “alternative all'Asia”, e vedono nel Portogallo un mercato appetibile. L'industria portoghese sta diventando più rispettosa dell'ambiente e sostenibile, ed è priva di diritti umani scandali.

Le industrie portoghesi accolgono con favore questa partnership, poiché aiuta ad espandere la loro portata. Ma soprattutto perché le aziende americane sono aperte a "pagare di più", solo per "ridurre l'esposizione in un'area che considerano ad alto rischio". 

La partnership va anche dall'altra parte; ieri, il quotidiano "Pubblico" ha riferito che la compagnia petrolifera portoghese Galp aumenterà l'acquisizione di gas naturale dagli Stati Uniti. "A partire dal 2027", Galp avrà "accesso a 1 milione di tonnellate all'anno di GNL statunitense". Questo accordo con la società americana Next Decade Corp. durerà per "20 anni", secondo l'annuncio.

"Questo accordo migliora l'accesso di Galp ai volumi competitivi di GNL degli Stati Uniti, integrando le forniture di Venture Global, che dovrebbero iniziare nel 2023. Aggiunge inoltre maggiore flessibilità e diversità geografica al suo portafoglio di approvvigionamento".

Sul suo sito web, Galp informa il pubblico che gli Stati Uniti sono il secondo partner più grande, rappresentando il 2% delle importazioni dell'azienda. Il maggior partner è ancora la Nigeria, che contribuisce a quasi la metà delle importazioni (33,3%), ma le interruzioni dell'approvvigionamento da questo paese sono da prevedere previsto. Si ipotizza che questo accordo sia stato fatto nel tentativo di ridurre la dipendenza dell'azienda da questo mercato sempre più inaffidabile

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti