8.9 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Le Nazioni Unite mirano ad aumentare gli aiuti alle aree di prima linea dell'Ucraina; Le esportazioni di grano del Mar Nero si avvicinano a 18 milioni di tonnellate

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

18 gennaio 2023 Aiuto umanitario
Mercoledì le Nazioni Unite hanno affermato che mirano ad aumentare il numero di convogli inter-agenzia che forniscono aiuti a parti dell'Ucraina "vicine alle linee del fronte", a sostegno del lavoro svolto da organizzazioni e volontari locali.
L'ufficio di coordinamento umanitario delle Nazioni Unite, OCHA, ha detto in un comunicato stampa che un convoglio di sette camion aveva raggiunto Vovchansk nella regione di Kharkiv, a soli cinque chilometri dal confine russo.
URL del tweet

“Questa comunità è stata pesantemente colpita da mesi di ostilità e dal 4,500 persone che vi rimangono dipendono dagli aiuti umanitari per soddisfare le loro esigenze”.

Il convoglio ha fornito kit igienici, coperte, lampade solari, sacchi a pelo e kit di ricovero di emergenza a più di 1,000 famiglie, forniti dall'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) e il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF).

Il Programma Alimentare Mondiale, Il PAM, ha anche preso parte al convoglio e ha effettuato a rapida valutazione dei mercati nella zona. 

L'iniziativa sul grano mediata dalle Nazioni Unite continua a ritmo sostenuto

L'agenzia delle Nazioni Unite Iniziativa sui cereali del Mar Nero firmato lo scorso luglio insieme ad a Memorandum d'intesa, volto a rifornire i mercati di cibo e fertilizzanti tra la carenza globale e l'aumento dei prezzi aggravato dalla guerra in Ucraina, ha ora consentito a 17.8 milioni di tonnellate di raggiungere milioni di persone bisognose in tutto il mondo.

Le scorte alimentari critiche, per lo più provenienti da fattorie in Ucraina pesantemente interrotte dai continui combattimenti sulla scia dell'invasione su vasta scala della Russia lo scorso anno, hanno raggiunto 43 paesi da agosto – più del 40% di loro nazioni a basso e medio reddito, il Joint Coordination Centre (JCC) dell'iniziativa detto in un Nota ai corrispondenti mercoledì.

A dicembre, le esportazioni attraverso i porti ucraini del Mar Nero sono salite a 3.7 milioni di tonnellate, rispetto ai 2.6 milioni di novembre, e solo nelle ultime due settimane quasi 1.2 milioni di tonnellate hanno lasciato il porto.

“Tuttavia, si sono verificate condizioni meteorologiche sfavorevoli sia nei porti di Odessa che nelle aree di ispezione turche frenato alcuni movimenti nell'ultima settimana", il JCC disse.

Porti di scalo

Fino ad oggi, Cina ha aperto la strada in termini di ricezione delle esportazioni attraverso il meccanismo dell'accordo sui cereali, con sede nella più grande città della Turchia, la porta d'ingresso per l'Asia e l'Europa, Istanbul. Spagna è stata la seconda destinazione più comune, con Turchia stesso, terzo.

Quasi il 44% del grano esportato è stato spedito in paesi a reddito medio-basso e il 64% nelle economie in via di sviluppo, ha riferito il JCC.

Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite ha acquistato otto per cento del totale grano esportato grazie all'accordo dello scorso anno, a sostegno delle sue operazioni umanitarie nei luoghi colpiti dalla fame in tutto il mondo.

Oltre 1,300 viaggi finora sono stati abilitati dal team JCC, composto da funzionari delle Nazioni Unite, Russia, Türkiye e Ucraina.

Vasi 100

"Attualmente, ci sono più di 100 navi nelle acque territoriali turche collegate all'Iniziativa, 32 sono in attesa di ispezione, mentre il resto ha presentato domanda per partecipare all'Iniziativa", ha affermato il JCC.

“Da novembre, il JCC ha schierato tre squadre di ispezione al giorno. Finora, questo mese, le squadre concludono una media di 5.3 ispezioni al giorno. Nelle ultime due settimane, il tempo medio di attesa delle navi tra la domanda e l'ispezione è di 21 giorni".

L'ONU esorta tutte le parti a lavorare per rimuovere gli ostacoli alla riduzione dell'arretrato e migliorare l'efficienza operativa all'interno del JCC.

L'iniziativa chiede inoltre di facilitare la navigazione sicura per le esportazioni di fertilizzanti, compresa l'ammoniaca.

Arretrato di ammoniaca

"Comunque, il la spedizione di ammoniaca dai porti ucraini non è ancora iniziata. L'ammoniaca, un ingrediente chiave nella produzione di fertilizzanti, è urgentemente necessaria sul mercato per abbassare questi prezzi e renderli più accessibili".

Sono in corso trattative su come far passare l'ammoniaca attraverso l'oleodotto Togliatti/Yuznhy.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti