7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

L'OEDT ha lanciato le miniguide Famiglie e senzatetto che rispondono ai problemi di droga

RISPOSTE SANITARIE E SOCIALI AI PROBLEMI DROGA: UNA GUIDA EUROPEA -

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

LISBONA. Rispondere ai problemi di droga nelle famiglie e tra coloro che soffrono di senzatetto è al centro di due nuovi OEDT miniguide uscito lo scorso 8 dicembre 2022. Le risorse sono il primo di cinque volumi dedicati alle persone con vulnerabilità e fanno parte della Risposte sanitarie e sociali ai problemi di droga: una guida europea.

Basandosi su una nuova revisione globale delle prove e approfondimenti provenienti da 29 paesi (27 EU, Türkiye e Norvegia), Miniguide dell'OEDT esaminare alcune delle principali sfide di salute pubblica nel campo della droga oggi. Offrono consigli tempestivi e pratici a professionisti e responsabili politici per la progettazione, l'individuazione e l'attuazione di risposte efficaci. Ogni guida fornisce una panoramica dell'argomento in questione, esamina la disponibilità e l'efficacia delle risposte e considera le implicazioni per la politica e la pratica.

Famiglie di persone che fanno uso di droghe: risposte sanitarie e sociali - punti salienti

La prima delle miniguide di oggi si concentra sulle famiglie delle persone che fanno uso di droghe, compresi bambini e familiari adulti.  

  • I familiari di persone che fanno uso di droghe possono subire un'ampia gamma di danni e possono richiedere servizi di supporto che li aiutino ad affrontarli. Le risposte appropriate possono includere la fornitura di assistenza sanitaria primaria per alleviare l'ansia e lo stress che provano, il sostegno tra pari, l'assistenza al lutto e il supporto per i familiari che si prendono cura di loro.
  • I bambini i cui genitori o i cui principali assistenti fanno uso di droghe in modo problematico possono essere particolarmente vulnerabili, ma molti bambini che vivono con un genitore che fa uso di droghe non subiscono alcun danno. Costruire e sostenere la resilienza dei bambini è importante, oltre a identificare e affrontare i loro problemi specifici nelle diverse fasi di sviluppo. La questione dell'aiuto ai bambini colpiti dall'uso di sostanze da parte dei genitori è riconosciuta nel droga strategie della maggior parte dei paesi dell'UE; anche se gli approcci nazionali variano.
  • I membri della famiglia possono fornire un valido supporto a un parente che fa uso di droghe, motivandolo a intraprendere un trattamento per tossicodipendenti. I bisogni dei membri della famiglia e il loro potenziale contributo all'efficacia del trattamento della tossicodipendenza dovrebbero essere riconosciuti nelle politiche sulle droghe e nelle linee guida pratiche.
  • Le informazioni sulla portata, l'estensione e la natura degli interventi disponibili per i familiari sono limitate e la ricerca e il monitoraggio in questo settore devono essere migliorati.

Senzatetto e droga: risposte sanitarie e sociali - punti salienti

Questa miniguida si concentra sull'uso di droghe tra le persone che ne hanno esperienza senzatetto e che vivono in condizioni in cui affrontano una serie di rischi per la salute sociale, mentale e fisica.

  • I senzatetto sono considerati una forma intensa di esclusione sociale, che influisce negativamente sulla salute fisica e mentale, sulla qualità della vita, sull'accesso al lavoro e ad altri servizi economici, sociali e sanitari. Prima della pandemia di COVID-19, circa 700 persone erano senzatetto Europa.
  • A livello dell'UE, il Parlamento europeo ha chiesto di porre fine ai senzatetto entro il 2030, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Molti Stati membri dell'UE includono le persone che soffrono di senzatetto nei loro piani d'azione nazionali in materia di droga. Alcuni paesi includono la fornitura di servizi dedicati per questo gruppo nei loro quadri nazionali, mentre altri rispondono attraverso servizi sociali, sanitari e per le dipendenze tradizionali.
  • Il consumo di droga ad alto rischio tra le persone senzatetto è particolarmente concentrato tra i senzatetto a lungo termine e ricorrenti. Anche gravi malattie mentali e disturbi psichiatrici sono comuni in questi gruppi. La generale mancanza di servizi rivolti alle persone senza fissa dimora e che fanno uso di droghe significa che molti in questo gruppo utilizzano altri servizi a bassa soglia (ad esempio stanze per il consumo di droghe) che possono fornire cibo, docce e collegamenti con rifugi.
  • La fornitura di alloggi stabili, servizi di riduzione del danno (ad es. programmi di scambio di siringhe, cliniche mobili) e strategie integrate (reti di supporto interconnesso) sono considerati elementi chiave di servizi efficaci per i tossicodipendenti per le persone che soffrono di senzatetto. Con il miglioramento delle condizioni di vita, il coordinamento dell'assistenza e la continuità dell'assistenza, le risposte possono spostarsi verso condizioni curabili, come l'infezione da virus dell'HIV e dell'epatite C, il disturbo da uso di sostanze, le malattie mentali e la tubercolosi.
  • In Europa, non è stata implementata alcuna serie standard di risposte per le persone senza fissa dimora e che fanno uso di droghe. I dati sulla portata e la natura della fornitura di servizi per questa popolazione vulnerabile sono limitati e sono necessari ulteriori studi per comprendere le barriere all'accesso ai servizi.

Note

Le miniguide dell'OEDT sono presentate in un formato digitale e modulare, concepite per migliorare l'accessibilità, per essere più facili da leggere su una vasta gamma di dispositivi e per facilitare aggiornamenti e traduzioni regolari. Ulteriori miniguide in questo pacchetto seguiranno nel 2023 e si concentreranno su donne, migranti e anziani.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti