8.8 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Buone pratiche per iniziative di educazione finanziaria su truffe, frodi e cyber security

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Le Autorità di vigilanza europee individuano buone pratiche per iniziative di educazione finanziaria su truffe, frodi e sicurezza informatica

Le tre Autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA ed ESMA – ESAs) hanno pubblicato oggi a Rapporto tematico congiunto sulle iniziative nazionali di educazione finanziaria alla digitalizzazione, con focus su cybersecurity, truffe e frodi. Il Rapporto individua le buone pratiche che le autorità nazionali competenti e altri enti pubblici possono seguire nella progettazione e nell'attuazione delle proprie iniziative di educazione finanziaria.

L'accesso ai canali digitali e alle infrastrutture digitali è diventato un prerequisito per l'utilizzo dei servizi finanziari da parte dei consumatori e questa tendenza si è intensificata nel contesto della pandemia di COVID-19. In questo contesto, le tre ESA sottolineano il fatto che la mancanza di alfabetizzazione finanziaria e la scarsa familiarità con le tecnologie digitali possono portare sempre più alla vulnerabilità finanziaria e all'esclusione dei consumatori. Più specificamente, senza adeguate competenze finanziarie digitali e la capacità di garantire la propria sicurezza informatica, i consumatori sono maggiormente a rischio di diventare vittime di truffe e frodi.

Per affrontare questo problema, le AEV hanno identificato 12 buone pratiche che possono aiutare le autorità nazionali competenti (ANC) e altri enti pubblici ad aumentare la portata e l'efficacia delle loro iniziative di educazione finanziaria, contribuendo così a migliorare l'alfabetizzazione finanziaria digitale dei consumatori. Tra gli altri, le ESA considerano buona pratica:

  • pubblicare una lista nera di fornitori fraudolenti per aiutare i consumatori digitalmente alfabetizzati a valutare correttamente i rischi finanziari derivanti da prodotti e servizi finanziari legati alle nuove tecnologie, come le criptovalute.
  • raggiungere i consumatori avversi alla tecnologia non solo attraverso canali digitali, ma anche non digitali e insegnare loro come utilizzare gli strumenti digitali per accedere ai servizi finanziari in sicurezza.
  • lavorare a stretto contatto con gli insegnanti per comprendere le loro specifiche esigenze educative, nonché aiutarli a sviluppare e testare materiale didattico adeguato, in modo che possano fungere da moltiplicatori dell'educazione finanziaria degli studenti.
  • confezionare opportunamente le iniziative di educazione finanziaria per aumentarne la portata, ad esempio includendo elementi di intrattenimento, come i giochi. Ciò può aiutare i consumatori ad acquisire conoscenze pertinenti nonché una certa esperienza pratica nella gestione di questioni finanziarie, creando così un'esperienza di apprendimento più profonda e interessante.
  • applicare l'ottimizzazione dei motori di ricerca per garantire che i siti web di educazione finanziaria delle ANC appaiano tra i primi risultati di ricerca quando i consumatori cercano informazioni su argomenti finanziari specifici.

Contesto e base giuridica

Il Rapporto si basa su un'analisi del Archivio tematico congiunto dell'ESA di 127 iniziative nazionali di educazione finanziaria sulla digitalizzazione con un focus su sicurezza informatica, truffe e frodi, che è stato pubblicato il 31 gennaio 2022. Si basa anche su approfondimenti di una conferenza congiunta ad alto livello dell'ESA sull'educazione e l'alfabetizzazione finanziaria che si è tenuto l'1-2 febbraio 2022 e un seminario con le ANC nel settembre 2022.

Le tre AEV hanno elaborato la relazione in linea con il loro mandato di cui all'articolo 9, paragrafo 1, lettera b), dei rispettivi regolamenti istitutivi, che impone alle autorità “assumere un ruolo guida nella promozione della trasparenza, della semplicità e dell'equità nel mercato dei prodotti o servizi finanziari per i consumatori in tutto il mercato interno, anche attraverso il riesame e il coordinamento delle iniziative di alfabetizzazione finanziaria e di educazione da parte delle autorità competenti”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti